Fiore parla del derby: “Il cuore dice Lazio, ma sarà pareggio”

© foto www.imagephotoagency.it

Ormai ci siamo, è la vigilia del derby di Roma. Domani sera nel monday night della serie A andrà in scena la stracittadina che oltre al solito valore, metterà in palio anche tre punti importantissimi per la rincorsa europea delle due squadre. Uno che di derby ne ha giocati e sa cosa vuol dire l’atmosfera di queste partite è senza dubbio Stefano Fiore. L’ex biancoceleste è intervenuto a Radio Manà Sport per parlare di Lazio-Roma, ma non solo.

Quanto può pesare l’impegno di istanbul sulla Lazio?
La Roma ci arriva meglio, ha avuto modo di preparare la partita senza pensare all’Europa League e questo  può pesare sul morale, soprattutto per la sconfitta e per aver compromesso la qualificazione. Se fossero tornati a casa con risultato positivo sarebbe stato meglio, ma il derby è una partita a se.

Tutte e due le squadre non stanno vivendo un gran momento, questo potrebbe portare ad una partita un pò bloccata?
Perdere il derby lascia l’amaro in bocca, psicologicamente può pesare. la Lazio è l’unica italiana ancora in corsa su 3 fronti, una partita non può condizionare quelo che di buono si è fatto. E’ sicuramente una partita importante, ma la stagione non va considerata non nell’arco di due gare, la Lazio non vorrà perderlo, ma questa partita può dare una spnta importante.

Ederson e Pjanic, chi è più forte?
Difficile dirlo, Pjanic lo abbiamo visto di più rispetto ad Ederson, il brasiliano lascia intravedere cose importanti, ma è stato limitato dagli infortuni. Due ottimi giocatori, ma dire chi è più bravo è difficile.

Che voto darebbe alla stagione della Lazio?
Alto perchè è vero che la squadra non è cambiata molto rispetto all’anno scorso, ma c’erano tanti interrogativi su Petkovic invece si è ambientato bene, con intelligenza e a questo punto della stagione, con tutto quello che è accaduto, essere ancora li vuol dire aver fatto un ottimo lavoro.

Giudizio su Petkovic e Tare
Direi che hanno fatto ottimo lavoro entrambi. Tare è già qualche anno che allestisce rose competitive che permettono alla Lazio di giocarsela alla pari quasi con tutti senza disporre di capitali enormi, dietro le grandi c’è sempre la Lazio. Petkovic è una sorpresa, la cosa che mi ha stupito di più è la il suo equilibrio, persona intelligente che ha capito subito il nostro campionato.

Perchè Lotito non programma qualcosa di importante a gennaio?
Questo non lo so, ritengo che per le possibilità ed i programmi che si fanno non ci sia possibilità di competere con le migliori, è ovvio che per fare il salto di qualità bisogna investire, magari la Lazio è contenta di arrivare in Europa League, se non si interviene è perchè non si ha possibilità o perchè, erroneamente, si pensa di essere competitivi e di poter arrivare in fondo.

Se ti venisse offerto posto alla Lazio accetteresti?
Non potrei di certo rifiutare, ma sono sempre stato abituato a costruirmi pian piano le mie cose, ho ancora tanto da imparare, ritengo che bisogna fare un passo per volta, sarei contento di poter crescere per arrivare poi ad una squadra importante.

Fiore protagonista nei derby.. Cosa ricordi di quei gol?
E’ qualcosa di indescrivibile, sono emozioni che si provano in quel momento che è difficile descrivere, soprattutto quello che ci permise di passare in vantaggio sotto la Nord, Purtroppo non fu decisivo però la soddisfazione e l’emozione è una cosa che mi porterò ancora dentro.

Un pronostico sul derby?
Il cuore non può che dire Lazio anche se, sbilanciandomi, direi un pareggio.

 

Articolo precedente
Radu ci crede: “Speriamo nel poker”
Prossimo articolo
Roma, i convocati di Andreazzoli: out solo Balzaretti