Crecco scalpita: “Sogno di esordire con la maglia biancoceleste

© foto www.imagephotoagency.it

Un sogno che si sta avverando. Questa è la realtà che sta vivendo Luca Crecco, giovanissimo centrocampista della Primavera biancoceleste, con alle spalle già due convocazioni in prima squadra in occasione degli ultimi due match contro Stoccarda e Torino. La decisione di Petkovic di rimpolpare la rosa in mancanza dei nazionali, ha offerto una grande chance al gioiellino romano classe 95. Per Crecco, intervistato ai microfoni di Lazio Style, la soddisfazione è enorme: “potersi allenare con la prima squadra è fantastico e si può migliorare in ogni aspetto anche perchè i loro movimenti sono molto diversi dai nostri. Hernanes? Mi trovo molto bene con lui, secondo me è il più forte ed è una brava persona, uno che ti aiuta”. Sul salto dagli Allievi alla Primavera commenta:  “Inzaghi è il tecnico che mi è rimasto più nel cuore, è un grande mister e scherzavo sempre con lui. Mi ha fatto crescere e lo devo ringraziare. Poi è uno che ha giocato a calcio, quindi ti trasmette una grande voglia di imparare. Il passaggio in Primavera? All’inizio noi del ’95 ci siamo sentiti un pò in disparte, ma andando avanti con il campionato la differenza con i grandi non si sente più. Bollini è un grande allenatore, mi ha fatto crescere molto sia mentalmente che tecnicamente”. Prosegue poi sugli obiettivi da raggiungere con la Primavera: “Dobbiamo arrivare tra le prime due in modo da qualificarci direttamente per la fase finale. Pur essendo primi il campionato è molto equilibrato.Sono tutte partite tirate, belle da vedere.” Poi conclude sul derby Primavera del 6 Aprile: “è la partita più importante del campionato. Giocare a Trigoria ci ha reso ancora più convinti di batterli”.

Articolo precedente
Esclusiva, Cagri Davran su Fenerbahce-Lazio: “Si decide tutto al Saracoglu Stadium. Yilmaz? E’ la storia del nostro calcio, la Lazio ha fatto un grosso errore…”
Prossimo articolo
Patarca elogia Nesta: “Difficile scoprire altri giovani come lui”. Poi sul passaggio alla Roma del nipote…