Caliendo elogia Ederson: “È un campione”. Poi su Breno…

© foto www.imagephotoagency.it

È stata la sorpresa del match contro lo Stoccarda. Falcidiato dagli infortuni e dalla sfortuna, Honorato Ederson non si è buttato giù ed ha continuato a lavorare, in attesa del rientro. Rientro che è avvenuto, dal primo minuto, a Stoccarda. Un gran gol ed una grande prestazione vanno a confermare le grandi qualità tecniche del giocatore brasiliano con la maglia numero 7. Ai microfoni di Radio Sei è intervenuto il suo agente, Antonio Caliendo“Io sono felice innanzi tutto per il presidente Lotito,  che ha sempre creduto in lui, ha sempre cercato di aspettarlo ed era molto in ansia. Questo è un grande campione che non ha avuto veramente la fortuna dalla sua parte, non dimentichiamo che la nazionale brasiliana, lo aveva chiamato e lui non ha potuto continuare per colpa di un infortunio. Sono fiducioso, l’anno prossimo ci sono i Mondiali, e devo dire che Ederson è sempre stato un punto di riferimento dei ct che si sono alternati alla guida della nazionale verdeoro, perchè ne conoscono le potenzialità, a 17 anni fu nominato miglior giocatore della rassegna Mondiale. A Roma si trova bene e il gesto che ha fatto al primo gol in maglia biancoceleste dimostra come ha sposato il progetto di questa società. Ede ha sofferto moltissimo e soffre quando non può dimostrare quello che vale, è una persona stupenda stiamo parlando di un campione dentro e fuori dal campo”. Un altro giocatore che cura Caliendo è Breno, perso questa estate da Lotito per motivi giudiziari riguardanti proprio il centrale brasiliano: “Ho lavorato tantissimo su questo calciatore, ho rischiato molto anche a livello di salute perchè facevo in continuazione scalo tra Italia e Germania per stargli vicino nei processi. Io insieme ad un altro suo amico brasiliano siamo riusciti a dargli una mano in tutto. Con la Lazio a dire la verità abbiamo ancora dei contratti firmati, il San Paolo e noi siamo sempre punti di riferimento, il club brasiliano se risolve i problemi giudiziari del ragazzo può fare tutto quello che vuole, ma se non dovesse essere così Lotito può ancora dire la sua, ma di questo non è il momento di parlarne”.

Articolo precedente
Stoccarda, Bobic: “La Lazio dopo il 2-0 si è solo difesa… Hernanes meritava il rosso”
Prossimo articolo
Hernanes batte Jovetic 7-5… A Red Or Black!