Tutto fermo per Felipe Anderson e la Lazio si guarda intorno

© foto www.imagephotoagency.it

Felipe Anderson a gennaio è sembrato a un passo dal vestire la maglia della Lazio. Poi Lazio, Santos e Fondo Inglese non sono riuscite a trovare un accordo economico soddisfacente e il trequartista è rimasto al Santos. Oggi l’operazione è in stand-by, il che non vuol dire necessariamente che sia sfumata. Già, perchè la Lazio ha un elemento importante come il sì del giocatore, restano però da limare gli ostacoli con il fondo inglese. Lotito è pronto anche ad un esborso importante (10 milioni di euro circa la valutazione del brasiliano), ma le doti di Felipe Anderson e soprattutto la sua giovane età sono sotto gli occhi di tutti, perciò è impossibile pagarlo meno di quello che vale.

Nel frattempo la Lazio si guarda attorno: giusto qualche sera fa, in tribuna al Constant Van Den Stock di Anderlecht, c’erano il ds laziale Igli Tare e il segretario generale Calveri. La partita in questione, Anderlecht-Bruges aveva diversi protagonisti che potrebbero interessare la Lazio: uno su tutti è Carlos Arturo Bacca, colombiano classe ’86 in forza al Bruges autore di 23 reti in 26 incontri di Jupiler League. Un centravanti che può giocare anche da esterno, noto per la sue grandi doti realizzative. Sempre nel Bruges giocano due giovani interessanti come Odjija-Ofoe e De Bock. Sponda Anderlecht potrebbe far gola anche Dieumerci Mbokani, bomber belga di origini congolesi che non ha bisogno di presentazioni, la cui valutazione però non collima con le necessità della Lazio. Interessano anche Jordan Lukaku, fratello di Romelu del Chelsea, esterno che la Lazio ha potuto vedere da vicino anche al Viareggio quando ha incrociato la Primavera di Bollini, e Cheikhou Kouyaté, centrale difensivo senegalese, in grado di ricoprire anche il ruolo di mediano. Secondo Gianluca Di Marzio, proprio sull’ultimo nome sarebbe forte il pressing della Lazio.

Articolo precedente
Casiraghi: “La Juve non ha rivali, Lazio generosa ma con troppi infortunati”
Prossimo articolo
Rocchi, aria di derby: “I miei ex compagni mi hanno già chiamato…”