Da comprimario a certezza: Romulo si è preso la Lazio

romulo lazio riscatto
© foto www.imagephotoagency.it

Romulo a suon di buone prestazioni ha scalzato Marusic e si è guadagnato la maglia da titolare. Ora è un’intoccabile nella Lazio di Inzaghi

Il suo arrivo è coinciso con la qualificazione alla semifinale di Coppa Italia, già questo era un buon auspicio. Era il 31 gennaio quando Romulo e la Lazio si sono detti “si”. Da quel giorno è stato un crescere di emozioni e prestazioni, che hanno portato oggi l’ex Genoa ad essere un’imprescindibile di Inzaghi. In ogni partita giocata si è sempre fatto notare; chiusure difensive e giocate offensive. E’ l’identikit dell’esterno moderno, perfetto per il 3-5-2 della Lazio, che spreme i calciatori sulle fasce. Un instancabile corridore, che sa abbinare la tecnica alle qualità fisiche. Era arrivato in sordina, ma in tre mesi si è guadagnato il posto, il riscatto e l’amore dei tifosi biancocelesti.

DEVASTANTE – Prima del suo arrivo, l’azione della Lazio si sviluppava prevalentemente a sinistra, con Radu, Lulic e Luis Alberto sempre al centro del gioco. Ora anche la fascia destra viene coinvolta di più, soprattutto quando nei tre difensori c’è Patric, schierato con il compito di iniziare l’azione da dietro. Romulo riesce ad attaccare e difendere in continuazione, senza mostrare il minimo segno di stanchezza. A quasi 32 anni potrebbe palesare qualche limite fisico, ma a fare la differenza in lui è quella voglia di rivincita, che non l’ha mai abbandonato. Dopo l’esperienza alla Juve andata male, sognava una seconda chance in una big e la Lazio gliel’ha data. Stava a lui ripagare la fiducia della società e fino a questo momento, l’ha fatto in maniera perfetta. A giugno Lotito verserà 2 milioni nelle casse dell’amico Preziosi per riscattarlo, per uno dei tanti affari nel rapporto qualità/prezzo, migliori di questa gestione. Tare ha già abituato bene i propri tifosi con colpi simili e l’italo-brasiliano non ha fatto eccezione. Tra mille incertezze che riserva questo finale di stagione, nella Lazio del futuro c’è una certezza: si chiama Romulo.