Reja: «Lazio, i meriti sono di Inzaghi e Tare». E su Milinkovic…

© foto www.imagephotoagency.it

Edy Reja ha analizzato il prossimo match di campionato Napoli-Lazio: tanti applausi per Inzaghi e Tare, mentre per Milinkovic tira fuori un bel paragone

E’ stata un tragettatore. Sia per la Lazio che per il Napoli. Per Edy Reja la gara di sabato al “San Paolo” non sarà una sfida come le altre perchè si fronteggeranno le due squadre a cui è probabilmente più legato. «Mi manca l’adrenalina del quotidiano e della partite. Per ora sono fermo, vedremo se cambierà qualcosa», ha ammesso l’esperto tecnico alle colonne de “La Gazzetta dello Sport”. L’allenatore goriziano non ha potuto esimersi dall’esporre il proprio giudizio sul big match del prossimo fine settimana. Ecco le sue parole:

NAPOLI«Mi aspetto una partita altamente spettacolare, come del resto lo è stata quella dell’andata a Roma. Godo nel vedere giocare gli uomini di Sarri. Secondo me, praticano in assoluto il miglior calcio degli ultimi anni. Magari non sempre riesce a essere brillantissimo, perché per caratteristiche deve andare costantemente a mille all’ora, però adesso ha limitato molto i cali di concentrazione. Ora è costantemente dentro la partita, prima prendeva qualche gol di troppo non appena abbassava l’intensità. Si vede che l’esperienza ha fortificato un gruppo che è migliorato nella gestione delle partite. Scegliere quasi sempre gli stessi interpreti potrebbe essere un limite in considerazione del fatto che sta per ricominciare l’Europa League, una competizione molto dispendiosa dal punto di vista psicofisico. Lo so per esperienza, con la Lazio perdemmo una qualificazione alla Champions proprio per le troppe energie lasciate in campo internazionale. Credo che il Napoli debba cambiare molti interpreti già contro il Lipsia evitando così di spremere i ‘soliti noti’ e affrontando l’impegno senza eccessive pressioni. Gli azzurri non hanno l’organico della Juventus che ha pure la capacità di cambiare spesso pelle, andare oltre i tanti infortuni e risparmiarsi quando è giusto farlo. Però mi auguro che, stavolta, sia il Napoli a vincere il campionato».

LAZIO«La Lazio può ambire a un piazzamento Champions, anche se pure lei dovrà fare i conti con l’Europa League e con la semifinale di Coppa Italia. La rosa comunque è ben strutturata. I meriti sono di Simone Inzaghi, sicuramente, ma anche di Tare che ha fatto nuovamente un grandissimo lavoro. Sta spesso defilato, ma è un protagonista di questi ottimi risultati. È andato via Biglia, che era importantissimo, e lo ha sostituto alla grande con Lucas Leiva. Ha dato fiducia lo scorso anno a Immobile quando erano in pochi a crederci e sui giovani non sbaglia mai. Avete visto che passo che ha Marusic? Di Milinkovic poi è anche superfluo parlare. L’arma in più di questa Lazio è il fatto che sia stata costruita secondo le indicazioni tattiche di Inzaghi, che le ha dato una precisa identità. Seppur con più qualità, ricorda un po’ il mio Napoli. Io impiegavo Hamsik proprio come Inzaghi impiega Milinkovic e poi avevo il Pocho Lavezzi per ripartire a tutta proprio come fa spesso la Lazio».

Articolo precedente
MilinkovicRientra Milinkovic: è questa la buona notizia
Prossimo articolo
Sassuolo-Lazio felipe andersonCaso Anderson, Immobile lo difende: «Siamo con lui». E alla cena di squadra…