Luiz Felipe ritrova il Milan: da scommessa a pilastro della Lazio, ora è sul taccuino di Mancini

luiz felipe
© foto www.imagephotoagency.it

Luiz Felipe domenica all’Olimpico ritroverà il Milan, contro il quale esordì in Serie A un anno fa: ora il brasiliano è sul taccuino di Mancini

Domenica Luiz Felipe sarà titolare nella sfida che, un anno fa, gli regalò il debutto in Serie A. Era il 10 settembre 2017, circa quattordici mesi fa, quando mister Inzaghi, con il risultato fermo sul 4-1, consentì al brasiliano di fare il proprio ingresso in campo a dieci minuti dal triplice fischio dell’arbitro. Al posto di Radu. Quella chance ebbe il sapore della ricompensa al lavoro e all’impegno messo nel corso del ritiro di Auronzo di Cadore. Scovato da Tare tra i dilettanti dell’Ituano, fu ‘parcheggiato’ alla Salernitana in Serie B, per poi essere aggregato alla Lazio nel precampionato. Da quei dieci minuti col Milan partì la sua carriera. Con dedizione Luiz Felipe si è conquistato un posto di prim’ordine nella squadra di Inzaghi, diventando un vero pilastro biancoceleste.

FUTURO – La partenza di de Vrij è stata ben colmata dall’arrivo di Acerbi, ma il futuro del reparto difensivo capitolino passa prima di tutto dai 21 anni di Luiz Felipe, che può agire sui settori esterni ma anche da centrale. Contro il Sassuolo si è ripreso il suo posto dopo l’alternanza con Wallace e, al termine della gara, si era proiettato già al match contro i ‘Diavoli’: «Con il Milan è importante vincere per raggiungere l’obiettivo Champions». Ben presto, poi, Luiz Felipe potrebbe affiancare l’azzurro ai colori biancocelesti. Il difensore ha il passaporto italiano e, riporta La Gazzetta dell Sport, il ct Mancini lo starebbe seguendo per inserirlo in Nazionale. Luiz Felipe, il futuro è dalla tua parte. Tra Lazio e Nazionale, per inseguire i propri sogni!

 

Articolo precedente
Lazio-MilanLazio, bisogna battere il Milan per evitare uno storico record ‘al contrario’
Prossimo articolo
durmisiLazio Social, la carica di Durmisi: «E’ il momento di lavorare duro!» – FOTO