Inzaghi: «Voglio una squadra consapevole della sua forza. Infortunati? Mancheranno in quattro…»

inzaghi
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di mister Inzaghi in vista del big match di domani tra Milan e Lazio

Lazio e Milan si sfideranno domani in un match cruciale per il proseguo della corsa Champions di entrambe le squadre. Il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi ha presentato la gara in conferenza stampa.

Domani ci si gioca una grande fetta di Champions? 

«La partita di domani sarà molto importante, una fetta importante del nostro cammino Champions. Dovremmo fare una grande partita voglio una squadra consapevole di essere forte».

Solo un punto contro Spal e Sassuolo

«Le ultime due partite siamo stati al di sotto delle nostre possibilità, nonostante questo con il Sassuolo avremmo meritato di vincere e con la Spal non si doveva perdere ma ora è inutile guardare quello che è successo, guardiamo la partita di San Siro con molta fiducia».

32 gol subiti, 10 negli ultimi 15 minuti

«Per questo dato penso che non solo la Lazio subisca gol negli ultimi dieci minuti, è un fatto di concentrazione sicuramente bisogna sapere che l’ultimo quarto d’ora è il più importante ed è lì che bisogna alzare la concentrazione».

Tabù San Siro…

«Per quanto riguarda i tabù credo che tutti prima o poi debbano esser sfatati non è da tutti vincere a casa della Juventus o con l’Inter speriamo che questo tabù possa saltare domani».

Situazione infortunati

«Per quanto riguarda i convocati non ci saranno Radu che ha una caviglia non ancora a posto, Marusic ha avuto un’indolenzimento importante contro il Sassuolo speriamo di recuperarlo per mercoledì, Badelj è squalificato e Berisha è fermo per il problema al polpaccio».

Come ha visto il gruppo?

«Abbiamo analizzato come era giusto che fosse dopo la partita con il Sassuolo, succedono queste partite alla fine i ragazzi hanno pareggiato nel finale chiaramente sui due gol subiti sono stati commessi due errori che una squadra come la nostra non può permettersi».

Alle spalle di Immobile, pochi gol…

«Mi aspetto più gol da Correa e Caicedo, Immobile segna meno delle passate stagioni ma tutti e tre ci aiutano tanto in fase di non possesso e quindi possono essere meno lucidi in fase conclusiva che credo che si possa migliorare».

Sull’arbitro..

«Il rigore per noi con il Sassuolo secondo me c’era per quanto riguarda Rocchi è una garanzia, arbitra con molta personalità e credo possa essere una garanzia per l’importanza della partita, meglio di lui credo non ce ne fossero».

Cosa vi hanno insegnato queste ultime due partite?

«Avremmo dovuto fare quattro punti, ne abbiamo fatto uno ma è inutile dire cose non vere siamo stati sotto le nostre potenzialità ma con il Sassuolo c’è stata per me supremazia totale sui gol abbiamo commesso errori gravi che non possiamo permetterci».

Pensi di cambiare qualcosa rispetto ai precedenti confronti con il Milan?

«Grossomodo la formazione è fatta, ho dubbi per quanto riguarda i terzi chi affiancherà Acerbi, sarà una bellissima partita e dovremo avere grandissima personalità aspettiamo domani sera con molta fiducia domattina deciderò la formazione»