Hernanes e la maledizione della Seleção: arriva l’infortunio proprio sul più bello…

© foto www.imagephotoagency.it

La chiamata c’era stata, Hernanes ha riconquistato la nazionale, dopo quasi due anni di assenza. Fondamentale il ritorno di Felipe Scolari sulla panchina verde-oro, Mano Menezes non vedeva giocatori con le caratteristiche del profeta, che inevitabilmente veniva lasciato a casa. Scolari è stato decisivo, ma le prestazioni in maglia biancoceleste non sono state da meno. Al contrario delle altre stagioni Hernanes è stato sicuramente più continuo, poche ombre e parecchie luci. Tanti gol, alcuni fondamentali. Scolari non poteva far finta di nulla, la qualificazione in nazionale è stata una piacevole conseguenza. Proprio sul più bello però, quando la chiamata era sempre più vicina, ecco l’infortunio. Trauma cranico nella semifinale di coppa Italia contro la Juventus, almeno 4 settimane di stop. Il profeta voleva esserci, ha provato a convincere i medici. La risposta è stata negativa, con un trauma cranico appena superato bisogna andarci piano. Al posto del profeta il ct Scolari ha convocato Jean del Fluminense. Il centrocampista biancoceleste ha commentato la vicenda al portale brasiliano gazetaesportiva.net: “Sapere che al posto mio sarà convocato un mio grande amico mi suscita due sentimenti: sollievo per la tristezza di non poter rispondere alla convocazione, ma anche una motivazione in più di poter giocare un giorno insieme a lui nella Seleção. Ho cercato in tutti i modi di dimostrare ai medici di stare bene e di poter giocare – ha spiegato il biancoceleste – ma mi hanno risposto che il protocollo prevede che io rimanga in osservazione per alcuni giorni. Ho dovuto accettare questa situazione”. Non c’è bisogno di abbattersi, il profeta sarà sicuramente un protagonista della nuova nazionale brasiliana firmata Felipe Scolari. Non ancora, ci si è messo di mezzo un grave infortunio. Proprio sul più bello.

Articolo precedente
Europa League: ecco la nuova rosa scelta da Petkovic
Prossimo articolo
Hernanes fuori un mese… La prossima settimana nuovi controlli