EURO 2016, i club più ricompensati: Lazio 4^ fra le italiane

© foto www.imagephotoagency.it

Un totale di 150 milioni di euro viene distribuito ai club delle 54 federazioni nazionali come contributo alle Qualificazioni Europee 2014-15 e a UEFA EURO 2016. La Juventus è il club più ricompensato di tutti, Lazio 4^ fra le italiane

Ben 641 club hanno ricevuto dei compensi economici per aver consentito ai propri tesserati di partecipare alle Qualificazioni Europee 2014-15 e alla fase finale di UEFA EURO 2016. Come riportato proprio sul sito ufficiale uefa.com, un totale di 150 milioni di euro è stato messo a disposizione delle società, così come stabilito nel Memorandum d’Intesa (MoU) rinnovato dalla UEFA e dalla ECA nel 2015. Sulla base del meccanismo di distribuzione dei pagamenti, 100 milioni di euro sono stati divisi tra i club i cui calciatori hanno partecipato alla fase finale di UEFA EURO 2016, mentre i restanti 50 milioni di euro sono stati suddivisi tra i club i cui giocatori hanno partecipato alle qualificazioni per la competizione giocata in Francia, a prescindere che la nazionale in questione si sia qualificata alla fase finale o meno. Ogni società ha ricevuto una cifra uguale per ogni giocatore impegnato con la propria nazionale in ogni partita delle qualificazioni e un importo fisso a giocatore per ogni giorno della fase finale, ponderata con la categorizzazione FIFA dei club per l’indennità di formazione.

I CONTI – La Juventus è la squadra che è stata maggiormente ricompensata (€ 3.484.875,38), seguono sul podio Liverpool e Tottenham (rispettivamente € 3.394.511,33 e € 3.066.138,48). Nella Top Ten da segnalare la presenza della Roma, che si è classificata nona: la società giallorossa ha guadagnato € 2.124.904,29. Delle squadre italiane che hanno incassato di più, troviamo poi il Napoli con € 1.466.426,97 e la Lazio con € 1.188.410,05. Quinta l’Inter, sesto il Torino, solo settimo il Milan.

Articolo precedente
serie aSerie A, ecco l’iniziativa «Vogliamo Zero Epatite C»
Prossimo articolo
folorunshoFolorunsho: «Sognavo la convocazione in prima squadra da quando sono piccolo»