Serie A. Dott. Matracia: «Tamponi a tutti i calciatori prima di ripartire»

© foto Db Genova 23/02/2020 - campionato di calcio serie A / Genoa-Lazio / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: Felipe Caicedo-Davide Biraschi

Il Dottor Roberto Matracia, medico sportivo molto esperto, ha detto cosa si dovrà fare per riprendere la Serie A in tutta sicurezza

La Serie A sta per riaprire i battenti. Mancano ancora gli accordi per le date ufficiali e la questione stipendi, ma la volontà di tutti è quella di ricominciare a giocare.

Il medico sportivo Roberto Matracia, ai microfoni di TMW, ha spiegato cosa si dovrà fare per assicurare igiene al rientro in campo: «Mi auguro che si possa tornare a giocare. Ma credo sia difficile riprendere dalla B in giù. Serviranno pazienza e le dovute precauzioni e ovviamente delle basi economiche per poter far fronte a tutte le misure necessarie. Il quartier generale per i club potrebbe consistere nel requisire un hotel che dovrà essere disposto solo per i calciatori. Poi bisognerà vedere a che livelli sarà il picco tra qualche giorno. Saranno gli scienziati a stabilire la situazione. Serviranno almeno quindici giorni di allenamento fisico e con la palla, prima che si possa riaprire la Serie A. Ma prima le visite mediche. Sarebbe opportuno fare i tamponi a tutti i calciatori, non è facile ma bisogna farli. Gli esami di fine mese? Saranno esami del sangue, prove da sforzo, spirometria. Poi l’eco e se necessario l’rx del torace».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy