Casiraghi: “La Juve non ha rivali, Lazio generosa ma con troppi infortunati”

© foto www.imagephotoagency.it

Il Corriere dello Sport ha intervistato l’ex bomber di Lazio e Juventus Pierluigi Casiraghi per commentare il match dell’Olimpico di ieri sera che ha visto uscire vittoriosi e con più di mezzo scudetto in tasca i bianconeri.

La Lazio aveva fermato la Juve all’andata e in Coppa Italia, questa volta la squadra di Petkovic non ha potuto nulla: “C’è poco da dire quando affronti una squadra come la Juve. E non parlo di una partita nello specifico, anche quest’anno hanno ammazzato il campionato. Qui all’Olimpico hanno dimostrato tutta la loro voglia di vincere e di raggiungere l’obiettivo scudetto. Hanno avuto una grande reazione dopo la delusione in Champions, riuscendo a trovare motivazioni più forti della Lazio che pure veniva da una delusione simile in Europa League“.

Cosa apprezza di più della Juventus? “Sono una squadra organizzata, hanno voglia e cattiveria agonistica. Conte poi è il loro uomo in più. Esprime il suo calcio e i risultati si vedono. Aldilà degli interpreti che scendono in campo, la squadra gioca a calcio. Ha una sua precisa idea di gioco e un modo di stare in campo. Non vedo rivali all’altezza in Italia in questo momento”.

Della Lazio invece, come si spiega il calo? “E’ una squadra che ha speso tante energie in questo campionato, e nonostante tutto ha fatto una buona gara. E’ stata molto bella la reazione del secondo tempo in cui la squadra ha cercato il il gol che potesse riaprire i giochi fino al fischio finale. Non è un alibi, ma è impossibile non tenere conto dei tanti infortuni che hanno tenuto fuori elementi importanti della rosa. Lo stesso Klose purtroppo attraversa un’annata particolare in cui è stato frenato dai problemi fisici. Assieme a Candreva però, è rimasto lui l’uomo più pericoloso”.

Per i biancocelesti l’Europa è ancora a portata di mano? “Certamente. Hanno anche la Coppa Italia, ma dovranno recuperare i giocatori chiave per riprendere il cammino”.

 

Articolo precedente
Paideia: oggi tocca a Pereirinha
Prossimo articolo
Tutto fermo per Felipe Anderson e la Lazio si guarda intorno