Serena: «Immobile, pericolo principale per il Napoli. Ma Luis Alberto e Milinkovic…»

© foto @YouTube

Aldo Serena, ex attaccante, ha analizzato il match Napoli-Lazio e il confronto a distanza tra i bomber delle due squadre: Mertens e Immobile

Napoli-Lazio non sarà un match come tutti gli altri per Ciro Immobile. L’attaccante biancoceleste sfida le proprie origini per tornare al goal e riportare la sua squadra alla vittoria. La partita regalerà anche il duello a distanza con Dries Mertens (clicca qui per leggere le condizioni del belga), bomber dei partonepei. Il confronto è stato analizzando da Aldo Serena, oggi opinionista Mediaset, in passato centravanti di Juventus, Torino, Milan e Inter. Ecco l’intervista rilasciata al quotidiano “Il Mattino“ (edizione napoletana):

Che tipo di attaccante è Ciro Immobile?
«Sotto il profilo fisico stiamo parlando di una vera forza della natura».

Le piace come si è adattato agli schemi di Inzaghi?
«Fino ad ora l’hanno messo sempre nella condizione ideale per poter calciare liberamente e fare tanti goal. Contro il Genoa però ho visto una squadra meno brillante».

Meno brillante è stato anche Immobile. Come mai?
«Non dimentichiamo che è reduce da un infortunio. Attenzione comunque, è un attaccante che se si esalta può fare doppiette e triplette in continuazione. Si fa coinvolgere molto dall’euforia e quando sta bene va a mille. Quest’anno ha sempre avuto periodi positivi e questa mi sembra la sua prima flessione».

Sarà Immobile il maggior pericolo per il Napoli o ce ne sono altri?
«Ovviamente si, ma ci sono anche altri giocatori temibili e faccio due nomi su tutti: Milinkovic-Savic e Luis Alberto. Il serbo ha tecnica e grande struttura fisica, mentre lo spagnolo sa trovare il guizzo giusto sempre anche nelle gare difficili».

Sabato sarà duello Mertens-Immobile: cosa ne pensa?
«Di sicuro sarà un bellissimo confronto, ma parliamo di due attaccanti dalle caratteristiche diverse. Ciro punta molto sul fisico, Dries ha maggiore inventiva e ha una visione più genereale del campo».

Articolo precedente
BergomiBergomi: «La Lazio non è in crisi. Champions? Andranno…»
Prossimo articolo
Luis AlbertoLuis Alberto: tutti i dettagli del rinnovo con la Lazio