Stadio, la Lazio pretende parità di trattamento e l’incontro con la giunta entro l’anno

stadio
© foto @Lazio News 24

La Lazio vuole fissare l’appuntamento con il Comune entro la fine di dicembre, aspettandosi lo stesso trattamento riservato alla Roma

Inzaghi l’ha ammesso: il suo sogno sarebbe quello di essere il primo allenatore della Lazio a lavorare nel nuovo stadio. Lotito prova ad accontentarlo. Dopo aver aspettato per circa due anni l’approvazione del Comune della Capitale alla Roma per la costruzione dello stadio di Tor di Valle, adesso la dirigenza della Lazio pretende lo stesso trattamento riservato al club di Pallotta. Come riporta l’edizione odierna del Corriere dello Sport, i biancocelesti spererebbero di fissare un appuntamento con la giunta capitolina entro la fine di dicembre. Il progetto – bocciato nel 2006 dalla giunta Veltroni per speculazione edilizia e rischio esondazione del Tenere – rimarrebbe inviariato: i luoghi in questione sarebbero i terreni della Tiberina, di proprietà di Claudio Lotito. Qui, potrebbe sorgere una vera e propria ‘Cittadella dello Sport’, pronta ad accogliere, oltre al calcio, anche altre sezioni della Polisportiva. La dirigenza è pronta: è il momento di concretizzare un progetto rimasto per troppo tempo solo sulla carta.