Salernitana, Orlando: «Il peggio è passato, inizio a vedere la luce. Futuro? Sto bene qui, ma…»

© foto Facebook

Francesco Orlando, in prestito alla Salernitana ma acquistato in estate dalla Lazio, è stato convocato per la prima volta sabato dopo un lungo infortunio al ginocchio. Il centrocampista ha raccontato questi mesi difficili in un’intervista

Si era messo in luce nella stagione precedente con il Vicenza, ma in seguito al fallimento della società è rimasto svincolato. Ne ha approfittato la Lazio che lo ha messo sotto contratto per poi girarlo alla Salernitana. Vede la luce in fondo al tunnel Francesco Orlando, centrocampista classe 1996 tornato in panchina nella gara contro il Novara. Ai microfoni di Radio Bussola, l’ex vicentino ha raccontato le sue sensazioni al rientro dall’infortunio al ginocchio rimediato in estate: «Sono stato felicissimo quando ho saputo di rientrare tra i convocati. Aspettavo da tanto questo momento, comincio a rivedere la luce. Non so quando tornerò a giocare, sabato scenderò in campo con la Primavera contro il Frosinone per mettere minuti nelle gambe ma mi sto allenando tranquillamente con la squadra».

INFORTUNIO – «Quando mi feci male i compagni di squadra provarono a tranquillizzarmi ma capii di essermi rotto qualcosa. Ho lavorato a Roma facendo doppia seduta dal lunedì al venerdì per quattro mesi, all’inizio l’ho presa molto male. Poi ho capito che non potevo farci nulla e ci ho lavorato per poi tornare a Salerno a gennaio. Ho concluso il lavoro di riabilitazione, il peggio ora è passato. Ho voluto fare le cose con i tempi giusti per evitare ricadute, ho avuto problemi dopo l’operazione perché a Roma caricavo molto. Ho perso tre settimane perché il ginocchio si era gonfiato e ho dovuto fare scarico».

FUTURO – Orlando continua: «Mancano dieci partite, ho saltato gran parte della stagione. Qui sto benissimo, i ragazzi mi hanno accolto molto bene; spero di poter dare il mio contributo, poi vedremo l’anno prossimo. Come abbiamo dimostrato in queste ultime quattro partite ce la possiamo giocare con tutti. Quella di ieri era una gara molto importante, ora dobbiamo prima arrivare alla salvezza ma abbiamo tutte le carte in regola per entrare nei play-off. Colantuono? Durante l’amichevole con la Primavera mi ha trasmesso tranquillità dicendomi di non strafare».

Articolo precedente
Champions ed Europa League, quarta sostituzione e nuovi orari: ecco tutte le novità
Prossimo articolo
lulicLulic: «Europa League o Champions? Non scelgo, vogliamo fare bene su tutti i fronti»