Milan – Lazio: Balotelli out. Floccari c’è

© foto www.imagephotoagency.it

Spareggio Champions.Questa è la portata più importante di questa giornata. Dopo lo spareggio scudetto tra Napoli e Juventus, Il 27esimo turno di campionato offre un Milan Lazio che ha tutte le carte in regola per essere una vera e propria tappa fondamentale per la corsa all’Europa che conta. La partita d’andata ormai è agli archivi. In qul periodo i capitolini volavano e il Milan arracanva cercando una sua identità. Identità che Allegri sembra aver trovato anche grazie all’innesto di Mario Balotelli, quel Mario Balotelli che stasera, per la prima volta dal suo rientro in Italia, sarà fermo ai box.

IL MILAN- Super Mario non ci sarà, troppo forte lo scontro con Handanovic. La contusione al perone non è stata assorbita e l’attaccante della nazionale vedrà il match dalla tribuna. Gli faranno compagnia Mexes ,che non ci sarà per squalifica, Costant e Bojan. A guidare l’attacco ci sarà Giampaolo Pazzini, ai suoi fianchi Boateng ed El Shaarawy che nonostante l’attacco febbricitante sarà della sfida.

LA LAZIO- Il bomber principe dei biancocelesti è ormai fermo da tempo ma Petkovic, dopo la paura di doverne fare a meno, ha ritrovato il suo sostituto. Sergio Floccari ha svolto la rifinitura e sarà lui a guidare l’attacco rossonero. Senza Klose, Mauri e Konko la Lazio andrà a Milano con il solito 4-1-4-1 con Pereirinha dal primo minuto al posto di Konko e Lulic sulla sinistra in sostituzione del capitano Mauri. Per il resto è formazione tipo con i soliti interpreti ad occupare le altre zone di campo. Dias sembra aver vinto il ballottaggio con Cana e farà coppia con Biava al centro della difesa.

37 punti in 18 partite. Questi sono i numeri del Milan a partire proprio da quel Lazio- Mialn. Un girone fa.Tutto è cambiato. I diavoli viaggiano a medie d’alta quoota e La Lazio, dopo la crisi di Gennaio – Febbraio, nonostante gli infortuni, sembra aver ritrovato lo smalto di inizio stagione. Vlado Petkovic è convinto di poter fare una grande gara. La classifica è dalla sua, la forma dice Milan, staremo a vedere. Tutti in campo. Come una sirena la Champions chiama, chi risponderà?

Articolo precedente
La forza della Lazio è il centrocampo: ma serve nuova benzina
Prossimo articolo
Dall’Inghilterra sicuri: “Lazio su…”