La Lazio e la Champions League: il parere di cinque ex biancocelesti

© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di cinque ex biancocelesti sul cammino della Lazio di mister Inzaghi

La Lazio, dopo le delusioni europee, sta facendo vedere gran belle cose in campionato. Cinque ex biancocelesti – Piscedda, Wilson, Rambaudi, D’Amico e Agostinelli – sono intervenuti per parlare del percorso capitolino. Ecco ciò che hanno detto come riportato dalla rassegna stampa di Radiosei.

PISCEDDA – «Sono due anni che la Lazio possiede un organico da Champions League. Rimane però necessario che i top player della rosa riescano a giocare al massimo. Rispetto ad altre società, come il Napoli, i biancocelesti non hanno problemi di spogliatoio: anche grazie allo staff, all’allenatore, al ds e al presidente che intervengono tempestivamente in ogni situazione».

RAMBAUDI – «Il quarto posto è alla portata dei capitolini soprattutto per il gioco che stanno esprimendo».

D’AMICO – «Il mercato di gennaio sarà fondamentale per rinforzare la rosa e mantenere vivo il sogno Champions League. Tra tutti, è importante effettuare un innesto a centrocampo per dare il cambio a Leiva e Milinkovic. In questo modo la Lazio potrà lottare fino in fondo per le posizioni che contano».

WILSON – «Sono ottimista, c’è un entusiasmo pazzesco intorno alla squadra. Immobile, Luis Alberto, Correa e Milinkovic-Savic le armi in più per mettere in apprensione le difese avversarie: Lazio favorita per la Champions».

AGOSTINELLI – «Serve un innesto per il reparto difensivo, si continua a subire troppo. Certo, si può raggiungere la Champions anche senza un acquisto, ma si rischierebbe. La squadra mi è sempre piaciuta, spero che stavolta abbia la meglio nel rush finale».