Felipe Anderson croce e delizia della Lazio: serve carattere per rinascere – FOTO

Calciomercato Lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Momento negativo per Anderson: dopo l’infortunio non è tornato ai suoi livelli, ed ora i tifosi non lo sostengono più

Lazio-Genoa. Le Aquile non riescono ad ottenere la vittoria e subiscono l’offensiva dei Grifoni. Al termine del match, i protagonisti – nonostante una prestazione decisamente al di sotto delle aspettative – corrono verso la Curva Nord per ringraziare i tifosi per il sostegno nel corso dei 90′. Vanno tutti, tranne uno. Felipe Anderson si avvia mestamente verso gli spogliatoi, sotto una pioggia di fischi da parte dei sostenitori capitolini. Il brasiliano – come accaduto in altre occasioni – non ha ripagato le aspettative del tecnico che gli ha concesso una possibilità in corso d’opera: gioca con poca convinzione, sembra svogliato, sbaglia tanto e non cerca di rimediare.  Il posto da titolare perso, un rendimento che non lo soddisfa: l’esterno sta vivendo un periodo buio. Chi, vedendolo in campo, lo paragona a quello delle prime stagioni, rimane sorpreso. E’ ancora lui? Cos’è successo a quel giocatore che – a suon di dribbling – si è conquistato l’amore e la fiducia del popolo biancoceleste?

GLI INIZI – Estate 2013. Dopo una trattativa a dir poco complicata tra Lazio e Santos, Anderson arriva finalmente nella Capitale, pronto a vestire la maglia con l’aquila sul petto. Nelle casse del club bianconero circa 9 milioni. Partendo dal giorno del suo esordio, è un crescendo di speranze ed aspettative che i tifosi ripongono nell’ex compagno di squadra di Neymar. La sua classe è indiscutibile, le sue giocate ubriacano gli avversari che vanno in difficoltà nel prendergli le misure. Arriva il gol nel derby, ‘Pipe’ è decisivo. I tifosi imparano ad amare la sua faccia da bravo ragazzo, il suo essere tanto diverso dai calciatori che si è abituati a vedere. Il suo percorso non è però privo di ostacoli: tra vicende familiari che si inseriscono prepotentemente nella sua vita e la necessità di sentire costantemente la fiducia di allenatori e compagni, vive alcuni momenti difficili che riesce ad accantonare dedicando anima e corpo a ciò che ha sempre amato fare, giocare con il pallone. Nato in una modesta famiglia del Brasile, il calcio è sempre stato nel suo destino.

INFORTUNIO – Le cose sembrano andar per il verso giusto. E’ tempo di preparare al meglio la stagione, dunque parte insieme alla squadra alla volta dell’Austria. Nel corso dell’amichevole contro il Bayer Leverkusen, però, Anderson si infortuna. I tempi di recupero sembrano essere brevi, almeno è quello che sperano tutti i tifosi. Pian piano ci si accorge che l’entità del problema è più grave di quel che si pensava, e ‘Pipe’ passa tanto tempo lontano dall’amato manto erboso. Il recupero lo fa soffrire, ma il futuro gli sorride ed il brasiliano si impegna per rientrare nel più breve tempo possibile. Intanto, però, la Lazio brilla sulle ali di un Luis Alberto in grande forma. Al suo ritorno, Anderson non è più intoccabile.

LE PAROLE SU INSTAGRAM – Il suo profilo Instagram si fa portavoce della propria tristezza: «Felice o no, la legge della vita è sempre andare avanti a testa alta». Parole di carica che però non trovano riscontro nelle performances di Anderson. E poi ancora: «Chi vuole vincere deve imparare a combattere, perseverare e soffrire». Dichiarazioni che non lasciano spazio ad interpretazioni, che descrivono un Felipe volenteroso. I suoi errori in campo dicono però tutt’altro. I tifosi sono stanchi di giustificarlo. Sono sconosciute le vere cause del suo declino. Felipe, che succede?

Quem quiser vencer, deve aprender a lutar, perseverar e sofrer.

A post shared by Felipe Anderson (@f_andersoon) on

Articolo precedente
calciomercato lazio badeljCalciomercato Lazio, Badelj: «Aspetto una chiamata che mi cambi la vita»
Prossimo articolo
stendardo lazio atalantaStendardo: «Felipe deve pensare prima alla squadra. De Vrij? Spero rimanga…»