Di Canio – Swindon continua la querelle

© foto www.imagephotoagency.it

Se n’è andato sbattendo la porta. Un’uscita di scena in linea col suo personaggio. Paolo Di Canio ha posto fine al suo incarico di manager allo Swindon Town; la notizia è di qualche giorno fa. Di Canio primo in classifica con la sua squadra, ha abbandonato il suo ruolo a causa di forti divergenze con la dirigenza dello Swindon, rea di aver venduto Matt Ritchie senza averlo consultato. Come si legge sulla Gazzetta dello Sport, Di Canio non ha digerito la politica del club e ha dato appuntamento allo Swindon in tribunale: “Il mio contratto parlava chiaro: acquisti e cessioni dovevano essere concordati con il sottoscritto, invece hanno venduto Ritchie senza dirmi nulla. Questa storia non finisce qui: con i dirigenti dello Swindon ci rivedremo in tribunale. Lascio lo Swindon al primo posto. La scorsa stagione lo avevo portato in League One e stavo facendo il bis. Ho vinto 45 gare su 78. Ho la miglior media in Inghilterra dopo Ferguson”.

Articolo precedente
Lazio imbattibile in Europa
Prossimo articolo
Primavera – La Lazio batte il Napoli capolista