Per la Champions la Lazio si aggrappa ad Anderson: i numeri sono dalla sua parte

Felipe Anderson lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Con l’infortunio di Luis Alberto, toccherà a Felipe Anderson andare in campo nelle ultime due partite di campionato, con l’obiettivo di far ottenere alla squadra il piazzamento in Champions League

L’infortunio nel corso della preparazione estiva, la perdita del posto da titolare, lo scontro con Inzaghi, la riappacificazione rimanendo pur sempre una riserva. La stagione di Felipe Anderson non è stata semplice. Ma il calcio ci ha abituato a curiosi scherzi del destino ed allora, dopo esser stato in panchina per la maggior parte delle partite della stagione, ‘Pipe’ giocherà gli ultimi due match di campionato, provando a far ottenere ai suoi l’importante qualificazione in Champions. Per la gioia di tutti coloro che hanno sempre creduto in lui, Anderson si riprenderà la Lazio che aveva perso dall’inizio dell’estate e non aveva ritrovato a gennaio, quando ormai era pronto e credeva che Inzaghi gli restituisse il posto da titolare. Intanto, il presidente Lotito l’ha ‘coccolato’ nel corso della serata al Lazio Club Quirinale: il futuro è ancora tutto da scrivere ed avere Anderson nella miglior forma per gli ultimi 180′ sarebbe fondamentale per le ambizioni europee biancocelesti.

NUMERI – I numeri, poi, sono dalla sua parte: 7 gol e 10 assist in 30 presenze. Le cifre acquistano più rilievo se vengono divise, perché solo in 13 partite il brasiliano è entrato nel blocco dei titolari. Il suo rendimento, nonostante tutto, è andato in crescendo. Dai quattro mesi di stop, al ritorno in campo decidendo alcuni match tra cui quello contro la Fiorentina e ed il successo a Cagliari. Insomma – riporta il Corriere dello Sport – la sua stagione si è messa subito in salita, ma potrebbe terminare con l’orgoglio di aver aiutato la squadra – con gol, assist e prestazioni esaltanti – ad ottenere l’ambita Champions.

 

Articolo precedente
Caicedo: «Lazio? Quando mi ha chiamato quasi non ci credevo. Voglio rimanere qui a lungo!»
Prossimo articolo
pippoPippo Inzaghi su Simone: «E’ uno dei migliori in Europa! Lui ha l’attacco più prolifico, ed io…»