Super Tare! Il ds biancoceleste si aggiudica il riconoscimento ‘Scouting Leader’

Tare
© foto www.imagephotoagency.it

Si avvicina ‘Football Leader 2018’: ad Igli Tare il riconoscimento come migliore direttore sportivo. Per la ‘Panchina Giusta’ premiato Marco Giampaolo

Keita, Milinkovic, Anderson e Luis Alberto sono solo alcuni dei giocatori acquistati da Igli Tare per una cifra irrisoria rispetto al loro attuale valore. Il ds biancoceleste ha dimostrato di saper consegnare a mister Inzaghi una rosa completa in tutti i suoi reparti rimanendo comunque in linea con le finanze del club capitolino. Tutto ciò ha fatto in modo che il dirigente biancoceleste si aggiudicasse il riconoscimento di ‘Scouting Leader’ all’interno della competizione ‘Football Leader 2018’. Come riporta corrieredellosport.it, l’ex attaccante albanese succede a Marino, Auslio, Carnevale, Corvino e Giuntoli. Il nome è stato deciso da una giuria composta dagli allenatori iscritti all’AIAC  e da prestigiose firme del giornalismo sportivo italiano, che si è trovata d’accordo sulla seguente motivazione: «Ha dimostrato una straordinaria competenza da uomo mercato, scopritore di talenti lungimirante e intuitivo. Tanti i calciatori scovati da Tare che si sono affermati da veri campioni ed hanno consentio alla Lazio di crescere e di vincere importanti titoli». Il premio verrà ritirato nella cerimonia che si terrà il 28 maggio presso l’Auditorium del Royal Continental Hotel di Napoli, location ufficiale dell’edizione 2018 dell’evento.

PANCHINA GIUSTA – A Marco Giampaolo il riconoscimento riguardante i tecnici: «All’allenatore che si è più distinto per fair-play, con comportamenti e gesti di particolare correttezza e lealtà sportiva. Con la sua compostezza e con il suo essere uomo di calcio, Giampaolo ha dato un eccellente esempio non solo ai propri calciatori, ma anche agli avversari». Il mister della Sampdoria succede a Montella, Benitez, Sarri e Gasperini.

Articolo precedente
LazioCorsa Champions, il ds Carli: «Roma e Lazio hanno qualità superiori all’Inter»
Prossimo articolo
Fiorentina, Biraghi: «Lazio squadra tosta, nessun contraccolpo psicologico dopo Salisburgo»