Radu: «Le vittorie sofferte sono le più belle. Inzaghi? Passa tutta la giornata a studiare i nostri avversari»

© foto www.imagephotoagency.it

Grande partita per Stefan Radu, questa sera al suo secondo gol stagionale. Nel post partita il difensore romeno è intervenuto ai microfoni di Mediaset Premium: «Il mio gol ci ha regalato tranquillità, ma abbiamo sofferto. Grazie alle parate di Marchetti, siamo rimasti in piedi. Le vittorie sofferte sono più belle. Sarà importante non sbagliare, ma ogni tanto qualche calo ci può stare, non si può giocare sempre ad altissimo livello. Può capitare un po’ di stanchezza. Guardando la classifica ci si sente meglio, mercoledì ci sarà una partita importante contro l’Inter. Champions? Nello spogliatoio non ne parliamo, ma siamo contenti di stare lì a -1 dalla Roma e in zona Europa. Inzaghi? Prepara la partita benissimo tutte le partite, da quello che so io stanno dalla mattina alla sera a Formello a studiare gli avversari, lavora molto anche sul gruppo e spinge tutti a darci una mano uno con l’altro. Sconfitte? Abbiamo affrontato Juve, Milan e Roma e non abbiamo sofferto tanto, purtroppo abbiamo perso, ma questo vuol dire solo che bisogna stare attenti con queste grandi squadre».

Il difensore rumeno è intervenuto anche ai microfoni di Lazio Style Channel: «Il primo tempo non abbiamo concesso nulla, mentre il secondo tempo abbiamo sofferto tanto, dobbiamo ringraziare Marchetti che ha parato il rigore. Sarebbe stata più dura. Non siamo riusciti a fare il terzo gol nei contropiede, abbiamo dovuto combattere fino al 90simo. Il gol? Mi sono buttato in avanti perchè c’erano compagni altri a coprire, sono avanzato nonostante non ce la facessi più, ho abbassato la testa ed è andata bene. Calo fisico nel secondo tempo? Dobbiamo lavorare su questo aspetto, ma la grinta di questa squadra è l’elemento che ci fa vincere le partite».

Radu ha parlato anche in mixed zone: «Nell’esultanza del gol c’è tutta la rabbia e la liberazione di un gruppo che in quel momento stava soffrendo. È presto per parlare di Champions non è ancora finito il girone d’andata, c’è da giocare una parte importante di campionato. Abbiamo il carattere e un bellissimo gruppo che ha dimostrato che nei momenti di difficoltà da tutto e vince le partite. Sto lavorando tanto, infortuni non ne ho e quando non hai questi stop puoi dimostrare di più quanto vali. I tifosi venuti a Genova con la Samp ci hanno dato tanta fiducia. L’Inter? Pioli ci conosce ma rispetto ai suoi tempi abbiamo cambiato tanto. Candreva è in grande forma, speriamo di tornare con la vittoria».

Articolo precedente
Sousa: «Non siamo stati efficaci nelle chiusure. Lazio squadra da Champions»
Prossimo articolo
calciomercato lazio cataldi vigoritoCataldi: «Sappiamo soffrire, grande vittoria. Murgia? Siamo noi il futuro»