Parolo: «Non dimenticherò mai questa giornata. Keita? Serve la giusta umiltà»

parolo
© foto www.imagephotoagency.it

Questa giornata se la ricorderà per sempre Marco Parolo, a segno quattro volte. Il centrocampista a fine partita racconta le sue emozioni a Sky e Mediaset

Parolo si concede anche ai microfoni di Sky Sport: «Con 3 gol ci si porta a casa il pallone, con 4 pallone, maglietta, pantaloncini e calzettoni. Avevo fatto una tripletta con l’under 20 di Serie C. Ringrazio tutti quelli che mi stanno vicino, mi danno una grande mano. Abbiamo vinto 2 volte oggi, dopo il primo quarto d’ora e poi dopo il loro pareggio. Se non siamo concentrati facciamo fatica con chiunque, poi appena abbiamo riattaccato la spina abbiamo fatto nostro il match. Ci è capitato altre volte in partite importanti di fare un ottimo primo tempo e poi nel secondo ci abbassavamo e perdevamo la partita, oggi siamo stati bravi a reagire. Con il Milan è una prova importante per mettere punti tra noi e una diretta avversaria per l’Europa».

Poker per Marco Parolo, vero e proprio mattatore di giornata. L’ex centrocampista del Parma, al termine del match dominato dalla Lazio è intervenuto ai microfoni di Mediaset Premium: «Non scorderò di questa giornata, conserverò maglia, pallone e pantaloncini. Sono orgoglioso di quello che ho fatto. Onore al Pescara che nel primo tempo ci ha creato qualche problema. Dobbiamo migliorare sulla concentrazione. L’intervallo ci è servito per guardarci negli occhi. Il nostro campionato è ottimo, adesso pensiamo al Milan una gara fondamentale. Keita? Talento incredibile, ma va spronato, alla lunga diventerà un grandissimo giocatore, sta lavorando bene con la giusta umiltà».

Il centrocampista biancoceleste è intervenuto anche in zona mista: «Abbiamo dovuto vincere due volte, siamo stati bravi nel secondo tempo a chiuderla. Nel primo tempo ci siamo guardati negli occhi e siamo ripartiti. Ci voleva questa vittoria ora è importante battere il Milan. Quando fai quattro gol è tanta roba, sono arrabbiato perché volevo farne uno contro il Chievo. Dedico tutto alla mia famiglia. Ultimamente sono sotto porta spesso, con Biglia e MIlinkovic abbiamo più copertura, bisogna adattarsi. Il 4-3-3 penso premi le mie caratteristiche. Ci dispiace per sabato scorso ma siamo ripartiti subito. Sarebbe bello avere uno stadio pieno ed elettrizzante con il Milan, proprio come un paio di anni fa. Il derby? Pensiamo prima al campionato, non mandiamo più in là la testa. L’obiettivo è l’Europa se qualcuno davanti rallenta noi dobbiamo farci trovare pronti, adesso abbiamo un periodo in cui serve fare più punti possibili. Keita? Fa la differenza, deve lavorare sempre molto concentrato». 

Parolo poi ha parlato anche ai microfoni di Lazio Style Channel: «È la prima volta che segno quattro gol, forse neanche in allenamento li ho mai fatti. La settimana scorsa ne avevo sbagliati tanti di testa, devo ringraziare i miei compagni. È una soddisfazione personale, li dedico alla famiglia, posso dedicarne anche uno a testa (ride, ndr). Oggi qualsiasi cosa dicevo succedeva. Ora dobbiamo tornare a lavorare, ci aspetta una settimana importante. Con il Milan ci aspetta una battaglia, saranno motivati ma dobbiamo fare al meglio per distanziare una diretta concorrente per l’Europa. La vittoria contro l’Inter ci ha dato tanto, specie la consapevolezza di potercela giocare con tutti. A Pescara non è facile, li abbiamo rimessi in partita, ma a fine primo tempo ci siamo guardati negli occhi e l’abbiamo chiusa. Dovevamo tornare a giocare come il primo quarto d’ora: con ordine e non pensando che fosse una partita facile. Sul terzo gol li abbiamo sorpresi, vuol dire che volevamo vincerla. Non possiamo abbassare di un centimetro la concentrazione, non siamo quel tipo di squadra. Il gol più bello? Per le mie caratteristiche mi è piaciuto il primo, anche l’ultimo su inserimento. Questa era la classica partita dove avevamo tutto da perdere, a maggior ragione con i risultati degli altri campi. Siamo capaci di ripartire fin da subito, oggi l’abbiamo dimostrato. Metterò tutto da parte in un angolo di casa, li ricorderò per molto tempo questi quattro gol». 

Articolo precedente
keita biglia lazioBiglia-Keita, discussione accesa in panchina
Prossimo articolo
felipe andersonLe pagelle di Pescara-Lazio: Parolo stratosferico, Felipe imprendibile