Lotito: «Zappacosta? Non spetta a me parlare di mercato»

Lotito lazio marotta
© foto www.imagephotoagency.it

Dei presunti cori di Lazio-Novara e del calciomercato biancoceleste, ha parlato il presidente biancoceleste Claudio Lotito

Intercettato all’uscita da Palazzo Chigì, il presidente della Lazio Lotito, ha risposto alle domande dei cronisti sul calciomercato: «Zappacosta? Il mercato non è fatto dalla collezione di figurine. Se mi piace? Io mi domando se è funzionale e necessario. Queste valutazioni non le fa il presidente. Il presidente è il pater familias che sente e ascolta le persone. Ho un allenatore, un direttore sportivo, un team manager che concorrono ad una formazione di un mio convincimento».

CORILotito continua parlando di quanto avvenuto in Lazio-Novara: «Devono essere messe in campo tutta una serie di azioni volte a reprimere certi episodi, quando questi però sono palesi, evidenti e percepibili. Invece così si rendono le società ostaggio dei comportamenti di dieci stupidi. In uno stadio semideserto si sarebbero sentiti. Invece chi era allo stadio nessuno ha sentito nulla, nemmeno io, tanto è vero che la giustizia sportiva ha ritenuto di non fare nessun tipo di considerazione. Sta diventando una psicosi, una situazione ridicola. La società non deve pagare nulla. Sotto la curva si può sentire qualsiasi cosa, ma in questo caso non li ha sentiti l’arbitro, non li ha sentiti la procura e nemmeno il quarto uomo. Gli unici cori che si sono sentiti sono quelli nei miei confronti dei tifosi del Novara. La cosa più bella è che poi noi siamo stati abbinati a quei manifesti adesivi, quelli sì che sono razzisti (riferimento ad alcune scritte a firma di un gruppo romanista “Lazio, Napoli, Israele. Stessi colori“)». Infine sulle parole del tecnico del Napoli, Carlo Ancelotti, Lotito si dice «d’accordo con il capo della polizia (Franco Gabrielli, ndr), secondo cui ognuno si assume la responsabilità dei propri comportamenti e deve essere consapevole delle conseguenze. A volte può anche essere un boomerang» – queste le parole del presidente biancoceleste riporta da Il Messaggero.