Le PAGELLE di Udinese-Lazio: Strakosha determinante, che gol di Correa! Male Wallace

la giocata del match Strakosha
© foto www.imagephotoagency.it

Alla Dacia Arena Udinese-Lazio termina sul 1-2: ecco le pagelle dei giocatori impiegati da mister Simone Inzaghi

Udinese Lazio pagelle / La Lazio riesce ad uscire vittoriosa dalla trasferta della Dacia Arena contro l’Udinese. A determinare il risultato l’ottima performance di Strakosha, autore di interventi provvidenziali. I due gol invece sono stati siglati da Francesco Acerbi ed El Tucu Correa. Buona anche la performance di Luis Alberto. Ecco le pagelle di Lazio News 24:

Strakosha 7,5 – Ottima partita di Strakosha, che riesce ad essere decisivo in ben due occasioni. La parata su Fofana in apertura di secondo tempo è provvidenziale. L’albanese rimane concentrato sino al 96′: nel corso del recupero è bravo a deviare il pericoloso tiro ancora di Fofana.

Wallace 5,5 – Non conferma la bella prestazione di domenica contro il Genoa, rendendosi anche protagonista in negativo del gol di Nuytink. Qualche errore di troppo per il brasiliano, che lascia troppo spazio agli avversari. Da rivedere.

Acerbi 6,5 – Solita buona performance del difensore ex Sassuolo che, al 60′, sigla il suo primo gol con l’aquila sul petto sfruttando al meglio il cross teso di Luis Alberto. Unica sbavatura la leggerezza su Lasagna, che avrebbe potuto causare il contropiede avversario.

Luiz Felipe 6 – Torna in campo dopo qualche settimana di stop, si riprende il suo posto in mezzo alla difesa ed il reparto arretrato non può che giovarne. Attento e preciso in tutti i suoi interventi: l’infortunio non ha fermato la sua crescita. Dal 75′ Bastos 5,5 – Non entra bene in partita. La prestazione dell’angolano è da rivedere.

Patric 6 – E’ un vero lottatore. Inzaghi decide di dargli finalmente un’opportunità concedendo un po’ di riposo a Marusic, e Patric lo ripaga nel modo migliore. Propositivo, mette in campo tutta la voglia di ritagliarsi uno spazio nella formazione di Inzaghi.

Parolo 6,5 – Solita gara tutta cuore e polmoni per Marco Parolo che, in assenza di Leiva, diventa il vero perno del centrocampo della Lazio. E’ dappertutto e, nonostante i tanti minuti sulle gambe, continua a collezionare buone prestazioni.

Badelj 6 – Non sembra totalmente integrato nella manovra biancoceleste. Compassato, lento e forse un po’ timido: il croato appare ancora lontano dal giocatore ammirato nel corso della sua esperienza nella Fiorentina.

Lulic 6 – Il capitano è sempre presente e, alla mezz’ora, serve magistralmente Parolo in area di rigore. Sbaglia però troppo, anche qualche controllo importante. Rimedia l’ammonizione e Inzaghi decide si sostituirlo dando spazio a Durmisi. Dal 55′ Durmisi 6 – Entra bene in partita, rendendendosi protagonista di qualche buona progressione sulla propria fascia.

Luis Alberto 6,5 – Non è il Luis Alberto dello scorso anno ma lo spagnolo fa vedere qualcosa in più rispetto agli appuntamenti delle scorse settimane. Il suo cross mette in difficoltà Scuffet e, sulla ribattuta, arriva il vantaggio della Lazio.

Correa 6,5 – Inizia bene con tante accelerazioni palla al piede che, però, non riesce a concretizzare. Poi scompare parzialmente dalla manovra della Lazio, per poi ‘ricomparire’ in occasione del momentaneo 0-2: al 66′ si fa beffe della difesa bianconera e, con una serie di giocate ubriacanti, sigla il suo primo gol in biancoceleste.

Caicedo 6 – Gara senza infamia e senza lode per l’ecuadoriano che, dopo aver fatto vedere buone cose contro il Genoa e l’Apollon, non contribuisce in modo determinante alla partita di quest’oggi. Inzaghi se ne accorde e dopo dieci minuti dall’inizio del secondo tempo lo fa uscire dal campo. Dal 55′ Immobile 6 – Entra in campo al posto di Caicedo, e non si rende mai pericoloso. Nel finale se la prende con l’arbitro in modo vigoroso, troppo nervoso.

Articolo precedente
acerbiLa giocata del match, ‘la prima volta’ di Acerbi e Correa vale la vittoria a Udine – Video
Prossimo articolo
Correa lazioLa felicità di Correa: «Ringrazio i miei compagni per il loro sostegno». E sul derby…