Lazio, tutto già visto e rivisto

lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Poteva andare diversamente ma è andata come tutti avevamo previsto

Alla fine è andato tutto come previsto. Nessuna rimonta, eliminazione dall’Europa League e tutti a casa a Roma. La realtà è che in pochissimi davano una chance a questa Lazio perché quel che accade è poi la solita pellicola di, quasi, ogni anno. La verità è che la Lazio dello scorso anno è stata un fulmine a ciel sereno, una novità, non la regola. La regola è infatti quella di galleggiare sempre, un colpo al cerchio e uno alla botte, un’eliminazione dall’Europa ma si una Coppa Italia ancora da onorare che in parte è anche giusto se non fosse che la verità è che non si è fatto nessun passo avanti rispetto allo scorso anno, anzi… Ad oggi i biancocelesti sono fuori ai sedicesimi dall’Europa, arrancano nella lotta al quarto posto, e l’unica cosa che appunto rimane è la Coppa Italia. Troppo poco, troppo poco per non arrabbiarsi e sbattere i pugni perché ognuno di noi vorrebbe vedere la Lazio dove merita, vederla lottare per grandi traguardi e non dover sempre riniziare da capo. Perché questo sarà: se non dovessimo raggiungere la Champions ci piegheremo a pensare che va bene anche l’Europa League, e a settembre saremo di nuovo qui a dire che il nostro obiettivo è il quarto posto e così all’infinito in un moto perpetuo che consociamo ahimè da tantissimi anni.