Connettiti con noi

Hanno Detto

Cravero: «Deby vinto dalla Lazio? Vale un’enormità »

Pubblicato

su

L’ex calciatore Roberto Cravero è intervenuto a Stadio Aperto, trasmissione pomeridiana di TMW Radio, parlando dell’attualità calcistica, in particolare con un focus sul derby:

TORINO E JURIC – «Servono allenatori bravi, capaci, che sappiano far giocar bene la squadra. Il calcio del 2021 è totalmente diverso dal calcio di una volta. Juric ha dimostrato in poco tempo la sua capacità di farsi prendere i giocatori, dopo il suo sfogo».

VITTORIA NEL DERBY DELLA LAZIO «Questa vittoria vale un’enormità. La Lazio ha saputo soffrire; se la Lazio è libera di giocare in contropiede, fa male, e questo la Roma glielo ha permesso. Ci sono state praterie per gli attaccanti della Lazio».

COME RIPARTIRA’ MOURINHO «Non penso l’arbitro abbia condizionato il derby. È stata una partita corretta, giocata a viso aperto. Mourinho deve ricostruire perché il derby è un macigno, e c’è stata anche la sconfitta a Verona. Roma non ti concede tanto tempo».

L’ASSENZA DI PELLEGRINI «Pellegrini oggi è il giocatore che cambia la squadra, è un giocatore stradeterminante. Zaniolo ha fatto una buona gara, poi ha fatto un gesto che non esiste».

NAPOLI «Ambizioni legittime. Tutte le prestazioni sono arrivate con prestazioni brillanti. C’è un giocatore che ha una grandissima condizione come Osimhen, e manca ancora Mertens. È una squadra coperta in tutti i reparti, con un allenatore capace; è una squadra divertente».

INTER «Ha meno punti di quelli che merita. L’Inter ha sempre giocato un calcio brillante. Non ero fra quelli che riteneva l’Inter favorita, ma che insieme alla Juventus, al Napoli e al Milan, partiva davanti all’Atalanta e alle due romane».

FIORENTINA «Mi piace molto, per gioco, per l’intensità che hanno. Mi diverto quando vedo giocare la Viola».

ITALIANO  «Ha cambiato la mentalità alla squadra. Gli hanno preso ottimi giocatori e gli hanno tenuto Vlahovic. La società lo ha aiutato a praticare il suo calcio».

GIOIA MALDINI  «In quell’immagine è uscito il Maldini padre. Noi siamo abituati a vederlo dirigente. Sicuramente il pensiero è andato a Cesare Maldini. Daniel è entrato con personalità, ha dimostrato di poterci stare in questo Milan».

CAGLIARI «Mi aspetto un’altra stagione difficile, ma ha preso un allenatore capace, ha una rosa che non può stare in quella posizione di classifica, ma bisogna dare tempo a Mazzarri».