Lazio, occhi puntati su Yacine Brahimi: ecco chi è l’algerino

© foto @Calcionews24

Dalle parti di Formello si fa spazio da alcuni giorni una voce di mercato riguardante Brahimi del Porto

Luis Alberto è finito in un’odissea da cui non riesce più a riprendersi. Inzaghi lo ha schierato titolare contro il Sassuolo, gesto che attesta la grande stima del tecnico nei confronti del fantasista spagnolo. Recentemente all’ex Depor erano stati preferiti Caicedo e Correa, con quest’ultimo che a partita in corso è sempre devastante. Ultimamente sul taccuino del ds biancoceleste Tare sarebbe finito il nome di Yacine Brahimi, talentuoso attaccante del Porto in scadenza a giugno. Si vocifera che in caso di cessione di Luis Alberto sarebbe proprio l’ex Granada l’indiziato n.°1 per sostituire il ‘diez’ laziale.

YACINE BRAHIMI – Nato l’8 febbraio del 1990 a Parigi e in possesso del doppio passaporto francese e algerino, Brahimi muove i suoi primi passi nel 2007 con il Rennes 2 (16 apparizioni e 3 reti). L’affermazione vera arriva con la maglia del Clermont, dove nell’annata 2009/2010 si impone come uno dei più interessanti giovani di Francia (31 presenze e 8 gol). Nella stagione successiva passa così alla prima squadra del Rennes, team che lascia dopo due anni, 37 apparizioni e 7 centri.  A volerlo a tutti i costi, nell’estate del 2012, è infatti il Granada dove il classe ‘90 fa benissimo, diventando un titolare imprescindibile del club andaluso. La sua abilità tecnica, unità ad un ottimo dribbling e ad una propensione agli inserimenti offensivi, attirano l’interesse di diversi top-club europei: a spuntarla è il Porto, convintosi ad acquistarlo anche grazie all’ottimo Mondiale brasiliano disputato dal giocatore con la sua Algeria. Ora il rapporto tra Brahimi e i Dragões sembra agli sgoccioli, con il contratto in scadenza a giugno e numerosi club interessati all’algerino.

Articolo precedente
la giocata del matchRossi, l’agente: «Lo vogliono tanti club, decideremo a gennaio…»
Prossimo articolo
Lazio EintrachtCorrea: «Lazio, sei da Champions! Devo ringraziare Veron…»