Scudetto 1915, nuova istanza presentata dall’avv. Mignogna

scudetto 1915
© foto Lazio News 24

L’avv. Mignogna continua la lotta per l’assegnazione dello Scudetto del 1915, presentata oggi una nuova istanza

Continua la lotta per lo Scudetto del 1915. L’avvocato Mignogna ha sposato la causa per la rivendicazione del titolo conteso con il Genoa, in ex aequo, e si sta battendo affinchè venga assegnato al biancoceleste. In data odierna, il legale ha inoltrato alla Federcalcio la nuova istanza di seguito riportata:

STUDIO LEGALE MIGNOGNA
SPETT.LE
FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO
VIA GREGORIO ALLEGRI N° 14
00198 ROMA

OGGETTO: RIESAME CAMPIONATO 1914/15 – RICHIESTA D’ASSEGNAZIONE EX AEQUO DEL TITOLO DI CAMPIONE D’ITALIA A LAZIO E GENOA

C.A. UFFICIO DI PRESIDENZA DELLA FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO
C.A. UFFICIO LEGALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO

Il sottoscritto Avv. Gian Luca Mignogna del Foro di Roma, in proprio, quale parte attrice del procedimento in oggetto ed in qualità di promotore della Petizione “Lazio 1914/15, Campione d’Italia ex aequo!”, con la presente, preso atto dell’elezione Presidente Federale nella persona del Dott. Gabriele Gravina, dell’avvenuto insediamento del Consiglio Federale in data 30 ottobre 2018 e della definizione delle note vicende concernenti la pregressa instabilità dei vertici calcistico/istituzionali statutari, all’uopo intendendosi avvalere puranche dei vigenti disposti sul diritto d’accesso agli atti amministrativi,

chiede

alle SS.VV. di poter cortesemente aver piena contezza della circostanza se l’integrale fascicolo del procedimento di riesame de quo, comprensivo di tutti gli atti, i documenti, i Dossier Storiografico/Emerotecari della scrivente difesa ed il parere positivo già espresso in merito dalla Commissione di Saggi a suo tempo nominata, medio tempore depositati agli atti federali, risulti o meno debitamente ricostituito e sottoposto all’attenzione dell’Ufficio di Presidenza.

Lo scrivente procuratore, peraltro, pur non intendendo prendere minimamente posizione circa eventuali altre rivendicazioni avanzate per conto di altri club, nei giorni scorsi più volte citate dai media nazionali, sottolinea come rispetto a tali ulteriori ed eventuali istanze:

1)    la rivendicazione dell’assegnazione ex aequo del titolo di “Campione d’Italia 1914/15” a Lazio e Genoa sia già stata corredata di numerose prove per tabulas inedite, rigorose ed inoppugnabili;

2)    la relativa fase istruttoria risulti esser stata assolutamente scrupolosa ed il relativo iter decisionale versi in istato precipuamente avanzato;

3)    la predetta Commissione dei Saggi abbia già acclarato l’estrema fondatezza delle tesi di parte laziale.

Per tali ragioni e su cotanti presupposti, previa formale audizione dello scrivente medesimo ove ritenuta opportuna e/o necessaria, si reitera la richiesta di specifica calendarizzazione e di positiva definizione del procedimento in oggetto, all’uopo provvedendosi all’eventuale esame collegiale di ogni documento e/o precisazione sottesi alla richiesta d’assegnazione “ex aequo” a Lazio e Genoa del titolo di Campione d’Italia 1914/15.

Restando a disposizione per qualsivoglia chiarimento in merito ed in attesa di un cortese riscontro.

Con ogni più ampia riserva.

Con fiducia ed osservanza.

Salvis juribus.

Cordialmente.

Roma, lì 05.11.2018

Avv. Gian Luca Mignogna

Articolo precedente
calciomercato lazioLazio, Lotito blinda Tare fino al 2020: ecco dettagli e cifre del rinnovo
Prossimo articolo
chiesaLazio-Spal, l’ex arbitro Chiesa: «Errore gravissimo di Guida e del VAR!»