Diaconale: «Giusto che i tifosi protestino per gli errori subiti»

diaconale
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole del portavoce della Lazio Arturo Diaconale

Il portavoce della Lazio Arturo Diaconale è intervenuto ai microfoni di Radio Sei per dire la sua in merito al sit in che si terrà oggi alle 18:00 in via Allegri contro i torti arbitrali subiti dai biancocelesti in questo campionat: «Il sit-in dei tifosi? La società non ha mai nascosto il suo pensiero, lo ha espresso con l’allenatore, il direttore sportivo e anche tramite me. I danni che la Lazio ha subito a causa del Var, sono sotto gli occhi di tutti. Che i tifosi vogliano manifestare la loro protesta per quanto avvenuto è assolutamente legittimo. Sono certo che sarà una protesta civile, nello stile Lazio. Lo stile Lazio è quello che vuole mostrare sul campo il proprio valore, senza subire passivamente gli errori della tecnologia sul campo. La manifestazione di pensiero è un diritto di tutti».

Errori arbitrali: «Negli ultimi tre anni la Lazio ha ricevuto più punti perché è la squadra che produce più gioco di tutti, e lo fa ormai da diverso tempo. Per questo la Lazio ha più rigori delle altre squadre. Se giochi molto in area, è normale che sia così. Necessità di creare un dossier? Io credo che i dossier siano già stati fatti. Basta scorrere le vicende del campionato, ripercorrere le riprese televisive e i dossier emergono con chiarezza. Qui tutti conoscono tutto. Non c’è necessità di riproporre il rigore negato a Immobile in Lazio-Torino, e la sua successiva espulsione. Anche l’ultima vicenda di Cagliari, sul rigore richiesto della Lazio tutto regolare, su quello dei sardi c’è stata una consultazione da parte di tutti. Gli errori compiuti devono insegnare e far capire che bisogna ricorrere a dei protocolli più rigidi e precisi per l’utilizzo del Var. Io credo che possa cambiare soltanto l’attenzione. Se condotte e realizzate in maniera civile le proteste servono a sollevare attenzione su una determinata questione. Quello che vogliono far capire i tifosi, è che la nostra squadra è stata danneggiata. La protesta può spingere gli arbitri a mostrare più attenzione».

Corsa Champions: «La partita per la Champions sarà molto avvincente tra Inter, Roma e Lazio. Sono squadre temibili, ma la Lazio deve fare il suo vincendo le partite che gli spettano sul campo. Ogni partita sarà come una sorta di finale che deve essere affrontata con la massima determinazione senza dare per scontato nulla. Tutte le squadre del campionato sono ben attrezzate, quindi bisogna fare attenzione. L’esempio è quello che è accaduto fra Juventus e Spal a Ferrara nella giornata di ieri».

 

Articolo precedente
calciomercato milinkovicLazio-Bologna, i convocati d’Inzaghi: c’è Milinkovic. Out Lulic, Radu e Patric
Prossimo articolo
Sit-in dei tifosi della Lazio sotto la FIGC: «Classe arbitrale ridicola e in malafede. Chiediamo rispetto!» – FOTO e VIDEO