Di Carlo: «Non pensiamo alla classifica, domani conta la prestazione». Sulla formazione…

di carlo
© foto www.imagephotoagency.it

Di Carlo, tecnico del Chievo Verona, ha presentato la sfida di domani contro la Lazio: le sue parole in conferenza stampa

Domenico Di Carlo, tecnico del Chievo Verona, ha parlato in conferenza stampa in vista del match contro la Lazio: «Dalle negatività bisogna trovare sempre delle opportunità.  Io ho dato degli input alla squadra, ovvero ritrovare i nostri tifosi, l’entusiasmo e l’unione da parte di tutti. Quell’unità di intenti che ti porta a fare qualcosa in più. Io ho dei sentimenti per il Chievo e domani proverò delle emozioni forti da trasmettere ai miei giocatori, che stanno lavorando per fare qualcosa di straordinario. Una partita alla volta, perché finita la gara dobbiamo essere bravi a resettare e ripartire qualsiasi risultato faremo. Non dobbiamo guardare la classifica ma le prestazioni, perché quando i ragazzi hanno dato tutto, io sarò sempre pronto a difenderliÈ stata una settimana contraddistinta da maggiore fiducia dopo il pareggio di Napoli. Al San Paolo abbiamo messo in campo le nostre caratteristiche, ma l’unione deve esserci per tanto tempo. Domani non possiamo concedere alcune cose come una settimana fa, contro la Lazio non possiamo permettercelo. La squadra deve tirare fuori sotto l’aspetto emotivo, temperamentale e tecnico una grande prestazione contro la Lazio che è una grande. Mi aspetto la voglia di andare a pressare gli avversari e un certo coraggio da tenere bene in mente.

Formazione? Sono felice che siano rientrati Giaccherini, Djordjevic e Cacciatore per tutta la settimana. Le nostre frecce sono tante, ma questi 3 giocatori di qualità per la nostra dimensione saranno a disposizione. Nello specifico Giaccherini può spaccare la partita, entrando a partita in corso. Può anche dare tutto per 60 minuti e poi lasciare spazio agli altri. Lui, Birsa, Pellissier, Stepinsky, Djordjevic, Meggiorini e tutti i giocatori di qualità devono farci vincere delle partite». 

Infine i complimenti alla Lazio «E’ una squadra difficile da affrontare, concede qualcosa ma bisogna avere una grande compattezza perché loro nelle ripartenze sono letali. A Simone Inzaghi faccio i miei complimenti perché la Lazio cresce ogni anno. Ha una proprietà attenta al bilancio ma che prende sempre giocatori di forza e di qualità che il mister fa esprimere nel migliore dei modi. Loro vanno affrontati da squadra vera, rispettando l’avversario senza aver paura perché dobbiamo far punti con tutti»

Articolo precedente
casiraghiCasiraghi: «Lazio, la Champions passa da Luis Alberto e Milinkovic». Sulla gara con il Chievo…
Prossimo articolo
MarchettiGenoa, l’ex biancoceleste Marchetti fa già le valigie