De Martino: «Lazio Style non si ferma: previste tante idee per il futuro»

de martino
© foto www.imagephotoagency.it

Nato e ideato nel Giugno 2008, subito dopo la vittoria della Supercoppa a Pechino contro l’Inter di Mourinho, il progetto Lazio Style, è diventato da allora un vero e proprio punto di riferimento per tutti i tifosi biancocelesti sparsi lungo lo stivale ma anche nel mondo. Il responsabile dell’Ufficio Stampa nonché direttore della testata, Stefano  De Martino, ha avviato un vero e proprio percorso rivoluzionario che consente di vivere la Lazio ventiquattro ore su ventiquattro, attraverso la rivista, il canale televisivo e quello radio, senza tralasciare le piattaforme dei Social Network che consentono a tutti di interagire costantemente, scambiando le proprie opinioni. E tra le tante idee in mente e gli obiettivi futuri da raggiungere, Lazio Style non ha nessuna intenzione di fermarsi. Sono difatti attese al più presto altre novità, come ha anticipato lo stesso De Martino:« Abbiamo rinnovato completamente il sito ed inoltre siamo su tutti i social, in continuo contatto con tutto il mondo. Il mio sogno è quello di creare un WhatsApp biancoceleste, una community globale in cui raggruppare tutti i tifosi aquilotti. Stiamo crescendo e ci stiamo allargando sempre di più e presto, partirà su Sky Sport 24, un programma pomeridiano che prevederà la presenza del pubblico in studio. Senza dimenticare l’Agenzia biancoceleste, il primo servizio di stampa online di una società di calcio che lancia circa quaranta notizie al giorno.

 

Lazio Style – De Martino, va orgoglioso della sua creatura: «Senza nulla togliere alle altre realtà presenti in giro, ritenemmo, in sinergia con il presidente, di creare una un prodotto tutto nostro. Il primo numero ebbe un grande successo; ricordo ancora una lettera pubblicata a cuore aperto da Lotito. Ritenni giusto far conoscere ai lettori, il massimo dirigente sotto un’altra veste; lui spiegò in poche righe che la sua unica colpa era quella di amare troppo la Lazio». Una notevole risposta ha anche ottenuto la radio che va in onda tutti i giorni, per ventiquattro ore, con un palinsesto che si arricchisce giorno dopo giorno di continue novità: «Siamo stati il primo club in Italia a fondare una radio. Da quel momento, fu creata all’interno degli uffici di Formello, una vera e propria palazzina contenente un centro di comunicazione all’avanguardia. Riuscimmo a cablare tutto con la fibra ottica ed a creare così un servizio distante appena 150 metri dagli spogliatoi. Questa ha rappresentato una vera e propria rivoluzione nel mondo del calcio. All’inizio, in pochi credevano in questo progetto ma oggi i risultati ci dicono che la Roma è arrivata seconda rispetto a noi che invece siamo partiti con qualche anno di anticipo».

 

Canale telematico – Un passaggio anche sul canale telematico previsto nel palinsesto Sky, rispetto al quale però, la Lazio è arrivata con un po’ di ritardo rispetto a Juve, Inter, Milan Roma: «Oggi possediamo un studio televisivo importante, gestito da giornalisti iscritti all’albo, dove trasmettiamo in HD. Ricordo che Lotito fece uno sforzo economico molto importante per comprare dalla Rai, l’archivio storico di tutte le gare della Lazio e da qualche mese stiamo cercando di digitalizzare completamente il materiale a nostra disposizione, affinchè divenga un patrimonio per quelli che verranno». A contribuire ad arricchire questo importante progetto, la partecipazione dei calciatori sulle piattaforme social: «Immobile è sicuramente il più presente ma anche Parolo è molto attivo, buca quasi lo schermo. Devo dire però che un po’ tutti si rendono disponibili a queste nostre iniziative». Da qualche settimana, sul cielo che fa da sfondo a Formello, vola anche un altro drone: «Si ne abbiamo comprato un secondo. Ci aiuterà a vedere dall’alto il centro sportivo e magari a seguire contemporaneamente gli allenamenti della prima squadra e della Primavera».

Articolo precedente
salernitana rossiLazio-Crotone, i convocati: out Djordjevic, Rossi c’è
Prossimo articolo
Compleanno S.S. Lazio, il pres. Buccioni: «La nostra nascita ha rivoluzionato lo sport»