Comanda il tifoso / Lazio-Inter, Aquile ko: ecco a chi danno la colpa i tifosi biancocelesti

convocati
© foto www.imagephotoagency.it

Comanda il tifoso / Al termine di Lazio-Inter, è stata fatta una domanda ai tifosi biancocelesti: a chi dare maggiormente la colpa?

Nel monday match della decima giornata di campionato, la Lazio esce sconfitta contro l’Inter al termine di una gara dominata dai nerazzurri. Brutta prestazione quella dell’armata di Inzaghi, che non si conferma dopo la vittoria di Marsiglia. Al termine del match non è stato aperto il solito sondaggio riguardante il migliore ed il peggiore in campo, bensì è stata posta una domanda ben precista al popolo capitolino: «A chi dareste maggiormente la colpa della disfatta?».

LE RISPOSTE – Le risposte hanno evidenziato la presenza di pareri contrastanti nella gente laziale. C’è chi, per esempio, dà la colpa a mister Inzaghi. Il motivo sarebbe la volontà dell’allenatore di non mettere in discussione il 3-5-2, oltre al poco spazio dato a Correa che, quando entrato in campo, ha mostrato di poter dare un grosso contributo alla causa biancoceleste. ‘Simone’ non è stato comunque l’unico ad essere messo sul banco degli imputati. Anche la società, ed in particolar modo il presidente Claudio Lotito, è stato considerato ‘colpevole’ per non aver dato maggiori rinforzi alla rosa a disposizione del tecnico. In ultima analisi, non si sono salvati – ovviamente – anche i giocatori. Secondo molti tifosi, i giocatori – considerando anche la cocente sconfitta del 20 maggio – sarebbero dovuti entrare in campo con un altro piglio, palesando la propria voglia di rivincita, facendo propria la fame di vittoria, la cattiveria agonistica. Infine, qualcuno è stato più benevolo, appellandosi alla condizione fisica egli impegni ravvicinati: «A chi darei la colpa? Infortuni e stanchezza».

Articolo precedente
augoustiEurorivali – Battuta d’arresto Eintracht, perde ancora il Marsiglia. L’Apollon si salva nel finale
Prossimo articolo
CorreaAnderson, Correa ed un ruolo che sa di sentenza: perché non c’è spazio nella Lazio di Inzaghi?