Ballotta: «Lazio puoi farcela! Var? Per i biancocelesti sembra esserci un regolamento diverso»

Ballotta
© foto @LazioNews24

L’analisi dell’ex portiere della Lazio Marco Ballotta

È intervenuto ai microfoni di Radio Incontro Olympia l’ex portiere biancoceleste Marco Ballotta per analizzare il match di giovedì in cui la Lazio sfiderà la Dinamo Kiev: «Come noi a Kiev 19 anni fa, la Lazio ce la farà! Giocai al posto di Luca Marchegiani contro la Dinamo Kiev in Champions League con la Lazio 19 anni fa, vincendo sia l’andata all’Olimpico che il ritorno in Ucraina, con quello 0-1 che proprio giovedì alla banda Inzaghi potrà bastare. Ed io credo che basterà. La Lazio può arrivare fino in fondo a questa competizione, la Dinamo è un osso duro, il 2-2 lo dimostra a chi pensava come il sottoscritto che fosse una squadra peggiore non all’altezza della situazione. In più, ci sarà da considerare il fattore ambientale, chissà quanti gradi scenderà il termometro sotto lo zero, noi andammo lì ai primi di novembre e già faceva freddo anche se non gelo. Tuttavia, i giocatori di casa non dovrebbero contare sul calore del loro pubblico perchè lo ricordo erano piuttosto “tiepido”, non aiutato dalla grandezza dello stadio che fa si che le tribune siano distanti dal rettangolo di gioco. Anche nel campionato italiano la Lazio lotterà fino all’ultimo per il terzo/quarto posto, nonostante tutto. Il Var? Sembra che per i biancocelesti il regolamento sia diverso… Strakosha? Il presente ed il futuro della Lazio per i prossimi 10 anni, fra i primi 4/5 portieri italiani al momento, e quando Buffon smetterà mentre Donnarumma se ne andrà, resteranno sul podio lui, Alisson ed Handanovic. Inzaghi? Quanto è bravo Simone, da giovane quando lo avevo come compagno di squadra non lasciava intravedere queste qualità da grande allenatore». 

Articolo precedente
Lazio-Eintracht FrancoforteEuropa League, Dinamo – Lazio: ecco chi dirigerà la gara
Prossimo articolo
murgiaMurgia si racconta: «Il gol alla Juve la realizzazione di un sogno. Ci sentiamo penalizzati, ma dobbiamo andare avanti»