Anderson: «Questa è la mia migliore stagione, ora sono al 100%! Tifosi? Sono grato…»

Fiorentina - Lazio felipe anderson
© foto www.imagephotoagency.it

Dopo l’intervista a Felipe Anderson pubblicata solo due giorni fa, su UOL Esporte è stata pubblicata la seconda parte: ecco alcuni stralci delle sue dichiarazioni

Dopo l’intervista di Felipe Anderson pubblicata solo due giorni fa, questa mattina – sempre su UOL Esporte – è stata pubblicata la seconda parte. Ecco alcuni stralci delle dichiarazioni del nostro ‘Pipe’, che si è soffermato innanzitutto sul periodo di ambientamento a Roma e nella Serie A: «In Italia il periodo di ambientamento è stato lungo. La maturità calcistica è arrivata da poco, ma sono ancora giovane e ho tanto tempo davanti a me. Nel calcio non ho rimpianti, anche le cose brutte mi sono servite per crescere. Non è stato tutte rose e fiori, ma i segni del passato servono per ricordare quello che hai imparato e a fare in modo diverso. Il sostegno della mia famiglia e di tutti quelli che mi sono accanto è stato importante».

LAZIO«Non so se sono diventato un idolo qui, però sono molto grato del riconoscimento che ho ottenuto da quando sono alla Lazio. I tifosi mi fanno sentire tutto il loro affetto, e per me questo è come un termometro. Sono contento di tutto quello che ho fatto, ne sono orgoglioso. Credo che questa sia la mia miglior stagione per quello che ho fatto da dicembre. Lo scorso anno ho giocato un po’ limitato a causa del dolore, ma ora sono al 100% a tutti gli effetti, e questo è fondamentale per un’atleta che gioca ad alti livelli».

BRASILE«Ho cercato di fare la mia parte in Italia per essere convocato. Per quello che ho fatto penso che avrei potuto avere qualche occasione in più, o perlomeno di avere maggiore considerazione. Continuerò comunque ancora a combattere. Sono giovane, se non arriverà, punterò al Mondiale del 2022. Questo è un obiettivo della mia carriera».

Articolo precedente
Gabriele Paparelli LazioGabriele Paparelli ricorda papà Vincenzo nel giorno del suo compleanno – FOTO
Prossimo articolo
immobileDue anni di te, due anni di NOI. Quando l’amore vale più di una scarpa d’oro: GRAZIE CIRO!