Roma, Totti: «I derby di una volta erano più belli, spero levino le barriere. I laziali? Romani meno fortunati»

lugaresi totti
© foto www.imagephotoagency.it

Fra malinconia e speranza. Il capitano della Roma, Francesco Totti, si è concesso ad una lunga intervista per Sportweek. Eccone un estratto.

 

Si commuove un po’ a pensare all’Olimpico?
«Un po’ mi dispiace pensare che un giorno non si giocherà più qui, Nazionale a parte, quando Roma e Lazio avranno stadi di proprietà».

 

Che le piaccia o meno, Roma significa anche Lazio.
«Ho tanti amici laziali. Roma laziale ha le sue idee, i suoi modi di fare. Io la vedo diversa perché tifo “diverso”. Sono romani allo stesso modo. Ognuno è libero di scegliere la propria squadra del cuore: poi c’è chi è più sfortunato e chi meno… Gli sfottò ci stanno ed è giusto, ovvio, l’importante è che non siano offensivi. Prima però era diverso, era peggio, ma era pure più bello. Era tutto più vero, si faceva quello che ci si sentiva di fare. Se dovevano prenderti in giro davanti a tutti lo facevano, anche con me. C’era il momento che gli rispondevi, oppure che facevi finta di niente. Ma era diverso il calcio, adesso è cambiato tutto, magari ti insultano sui social».

 

Sulla carta questo è il suo penultimo derby.
«Sono a disposizione, così come con Milan e Juve che ci aspettano dopo. I derby di una volta erano più divertenti. Si arrivava prima per mettere gli striscioni con gli sfottò. Da quello che leggo, non torneranno neppure le curve, anche se io spero che le levino le barriere: devono trovare un’altra soluzione. Comunque, se dipendesse da me, contro la Lazio almeno un po’ mi farei giocare, ma non decido io. Quello che è importante è vincere, con o senza di me. E poi chi ha detto che siano gli ultimi derby? Non cambio idea: se sto bene, potrei continuare a giocare. E non sto affatto scherzando».

Articolo precedente
Biglietteria, Lazio-Roma: la prevendita non decolla
Prossimo articolo
Radu: «Quando si lamenta Totti, gli arbitri fischiano sempre»