Lazio, perchè non sfruttare i giovani rimasti?

lombardi calciomercato lazio ritiro marienfeld
© foto S. S. Lazio

Tre calciatori del vivaio della Lazio sono rimasti senza squadra. Si tratta di Filippini, Minala e Lombardi. Perchè non reintegrarli in rosa?

Il mercato li ha lasciati a Formello, ma non nella rosa della prima squadra, anzi. Loro una squadra non ce l’hanno proprio. Si tratta di Lorenzo Filippini, Joseph Minala e Cristiano Lombardi. Il primo nella passata stagione ha fatto le fortune del Pisa, eliminato ai playoff per la promozione in B dalla Viterbese. Campionato sopra le righe anche per Minala, arrivato alla definitiva consacrazione con la maglia della Salernitana. Passato alla storia il suo gol nel derby del Partennio con l’Avellino, decisivo per completare la rimonta e fissare il risultato sul 2-3. E’ rimasto invece in Serie A Cristiano Lombardi, autore di 17 presenze e due assist con la maglia del Benevento.

FUTURO – I tre ragazzi prodotti del settore giovanile biancoceleste, non sono riusciti a trovare nessuna squadra neanche all’estero. Essendo rimasti oltre il 17 agosto, data di chiusura del mercato italiano, la Lazio ha provato a piazzarli in altri campionati, ma i loro trasferimenti non sono andati a buon fine. Dopo aver svolto il ritiro di Auronzo Di Cadore con la squadra, i tre sono rimasti fuori dalla seconda parte di preparazione svoltasi a Marienfeld. Filippini sembrava essere maturato molto e Inzaghi lo ha spesso alternato con Radu, essendo l’unico difensore mancino oltre al romeno presente in rosa. Minala probabilmente è stato quello che più ha convinto, ma i posti a centrocampo si sono esauriti con l’acquisto di Badelj e la permanenza di Cataldi.Quello che ad oggi più servirebbe alla causa biancoceleste è Cristiano Lombardi, esterno d’attacco, ma adattato in fase di ritiro a esterno destro di centrocampo. Il classe 1995 è un pupillo di Inzaghi che due anni fa lo lanciò in Serie A a Bergamo, facendolo esordire e regalandogli la gioia del primo gol con la maglia della Lazio. Considerando l’imminente esclusione di Basta dalla lista del campionato, a beneficio di Lukaku, gli esterni destri rimarrebbero due (Marusic e Patric). Al tempo stesso però sarebbe stato possibile inserire Lombardi, dato che la Lazio ha occupato soltanto due dei 4 slot disponibili per i giovani provenienti dal vivaio (ci sono solo Strakosha e Cataldi ndr). Perchè non fare di questi giovani una risorsa importante anziché lasciarli allenare come dei fuori rosa? La domanda è lecita e probabilmente la risposta non l’avremo mai. La cosa certa è che in tre mesi la Lazio non è riuscita a piazzare tre dei propri giovani più promettenti, rischiando di bloccare drasticamente il loro percorso di crescita. In attesa di sviluppi, Filippini, Minala e Lombardi continuano ad allenarsi e…a sperare in una chance. Nella Lazio o altrove.

Articolo precedente
ledesmaLedesma, un nuovo inizio al Pro Piacenza
Prossimo articolo
canigiani lazioCanigiani: «Per l’Europa League sono previsti mini-abbonamenti, mentre il derby…»