Italia-Spagna, Immobile e Parolo fra i più temuti. E intanto ‘Marca’ commette una gaffe…

© foto www.imagephotoagency.it

Italia-Spagna, gli iberici temono molto i laziali Immobile e Parolo. Ma che gaffe clamorosa per il quotidiano ‘Marca’!

Questa sera torna il classico Italia-Spagna e diversi sono i temi che apre una sfida così importante. Sul cammino iberico si rivede Ciro Immobile, rinato da quando è tornato nel ‘Bel Paese’. Niente a che vedere dopo il flop con la maglia del Siviglia, i tifosi spagnoli preferisco vederlo restare seduto in panchina. “Il Panzer di Torre Annunziata”, così è stato definita da El Confidencial per collegarsi all’eredità lasciata alla Lazio da Miroslav Klose. Eppure il bomber napoletano non è l’unico calciatore ad essere temuto, l’estremo difensore delle Furie Rosse, Pepe Reina, ha infatti analizzato così la Nazionale Italiana ai microfoni di Marca: «Con tutto il rispetto l’Italia non è mai stata una Nazionale di talento. E’, però, sempre stata molto competitiva, vincendo molti titoli. In porta non c’è nulla da scoprire. Buffon, nonostante i 38 anni, rimane uno dei portieri migliori in circolazione. In difesa giocano a memoria, grazie al trio juventino. A me personalmente piace molto Bonucci, che difende in modo molto aggressivo ma che, con il pallone tra i piedi, sembra quasi un centrocampista. Sugli esterni c’è Candreva: mi piace molto l’ex calciatore della Lazio, anche con l’Inter sta facendo bene. Centrocampo? Vedremo chi sceglierà Ventura. Occhio a Parolo, che sta facendo molto bene con la Lazio. Infine, attenzione a Pellè, che agli Europei ci ha fatto venire il mal di testa, ed a Eder. Una coppia che di sicuro ci darà problemi anche questa sera». E intanto sul profilo ufficiale Twitter della testata giornalistica, proprio l’ex Parma viene scambiato per l’oriundo Eder

 

 

Articolo precedente
ufficiale nacional gonzalezPAIDEIA – Nuovi accertamenti per Marchetti. Anche Gonzalez in clinica questa mattina – VIDEO
Prossimo articolo
farrisFarris: «Questa Lazio può giocarsela con tutti. Inzaghi? Ha una grande educazione e non regala niente a nessuno»