RIVIVI LA DIRETTA – Biglia: «Testa e cuore per vincere il derby più importante del mondo»

© foto www.imagephotoagency.it

Il capitano della Lazio, Lucas Biglia, è intervenuto in conferenza stampa per parlare del derby di domenica contro la Roma. Queste le risposte alle domande dei giornalisti presenti in sala.

 

Siete pronti ad affrontare la Roma?
«Certo, lo abbiamo dimostrato fino ad adesso. Sicuramente sarà una partita diversa dalle altre».

E’ tanto che la Lazio non vince un derby…
«Vogliamo farlo, qualche volta avremmo meritato di più. Rimane in mente l’ultimo, è stata una brutta sconfitta. Abbiamo tutti la voglia di riscatto».

Come si vince il derby?
«E’ una partita diversa, giochiamo con la voglia e mettiamo in campo ciò che ci chiede il mister in settimana. Conosce bene la piazza, con lui abbiamo qualcosa in più».

Passi avanti sul rinnovo?
«Il futuro è oggi, allenandomi e pensando a domenica. Non penso ora al rinnovo, abbiamo una obiettivo più importante. Quando arriverà il momento ne parleremo. E vedremo cosa sarà meglio per tutti».

Cosa hai imparato dai derby giocati?
«Il primo è stata una bella atmosfera, c’era uno stadio pieno. Sul campo ho imparato che le partite finiscono al triplice fischio. Spesso avremmo meritato di vincere, ma contro le squadre forti bisogna stare attenti sempre. Vogliamo vincere, conta come arriviamo a livello psicologico. Finora abbiamo ottenuto buoni risultati, speriamo di svegliarci bene domenica. Ho fiducia nel mister e nei compagni, possiamo fare bene».

Szczesny ha detto che la Roma è più forte…
«Io non dico chi è più forte, sarà il campo a rispondere. Hanno fatto un punto in più di noi, può succedere di tutto in Italia, l’abbiamo visto domenica con la Juventus (3-1 contro il Genoa, ndr). Conta la mentalità del gruppo».

E’ la Lazio più forte questa?
«E’ una bella Lazio, che sta facendo un bel lavoro e ottenendo risultati. Il mister ha portato tanto entusiasmo, siamo sulla strada giusta. Speriamo di non sbagliare».

Questa partita a quale la paragoneresti?
«A livello nazionale la posso paragonare ad Argentina-Brasile o Argentina-Uruguay, però a livello di club non ha paragone. E’ uno dei derby più importanti del mondo».

Come arrivano i giovani alla partita?
«Ne hanno giocati tanti in Primavera. Hanno voglia, entusiamo, non è una partita normale, è troppo importante per noi e i tifosi. Daremo il massimo».

Oggi ci saranno i cancelli aperti per i tifosi…
«Sarebbe importante avere tanti tifosi, l’abbiamo visto prima di Napoli e prima di Palermo. Speriamo di vederli oggi tutti qui e di ringraziarli domenica in campo. Lo stadio pieno è un uomo in più soprattutto consocendo i tifosi laziali, che sono di cuore. Avere la Curva piena sarebbe incoraggiante».

Che lancio mandi all’esterno?
«Di continuare così, vogliamo ringraziare i tifosi. Rimangono sei mesi da qui alla fine, vogliamo ottenere grandi risultati».

E’ emozionante giocare questa partita con la fascia da capitano?
«Sì, anche perché non l’ho ancora vinto. Ho bisogno di vincere un match del genere, speriamo che questo porti a risultati importanti».

Si vince più con il cuore o con la testa?
«Il cuore conta sempre, vincere una partita del genere giocando male non è facile. Se si gioca male, significa che non si fa quello che abbiamo in testa. Cuore, testa e la qualità che abbiamo. Se usiamo tutto ciò al massimo possiamo vincere».

Nei derby precedenti gli arbitri vi hanno spesso sfavorito…
«Dell’arbitro non parlo, anche per lui sarà una partita difficile. Non guardo chi sarà a dirigere o quello che è successo nei derby in passato. Spero soltanto in me stesso, nei miei compagni, nello staff».

Articolo precedente
Mauri: «L’attesa del derby mi manca. Lotito? Mi sarei aspettato…»
Prossimo articolo
Canigiani: «Curva Nord esaurita, si va verso il sold out»