Delio Rossi risponde a Peruzzi: «Se perdi de Vrij e Keita devi trovare dei validi sostituti»

Delio Rossi lazio peruzzi
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex tecnico biancoceleste Delio Rossi è intervenuto ai microfoni di Radio Incontro Olympia e ha risposto alle dichiarazioni di Angelo Peruzzi rilasciate nella giornata di ieri

«Il passaggio del turno è stata la degna conclusione di una sfida giocata meglio. Se la giocherà contro la squadra più forte del paese. Sulla gara secca la Lazio parte sfavorita rispetto alla Juventus ma può giocarsela – esordisce Delio Rossi – Sarebbe bello cambiasse la data. Quella attuale è molto lontana e può far arrivare le due formazioni stanche. Più giusta incastrarla col campionato, non in un clima di smobilitazione. Inzaghi? In generale la squadra è stata più umile. Sapeva di essere inferiore e l’ha affrontata meglio. Soprattutto la prima partita. Dal punto di vista tattico la Roma se ha campo ti fa male. Se deve far lei la partita e non riesce ad innescare Salah va in difficoltà. Anche Nainggolan non al 100% è un fattore negativo. La Lazio li ha ingabbiati bene col terzo centrale. Le ripartenze sono state perfette perché hanno messo a nudo le lacune della difesa giallorossa in campo aperto». Ora testa al campionato: «Avrà una spinta buona per il derby di campionato anche se oggi bisogna concentrarsi partita per partita. Il Napoli è una squadra in salute. Sarà una sfida difficile. Non ha superato il turno ma può tenere testa alla Juventus. Non saranno demotivati. Complimenti ai preparatori atletici partenopei. Per fare quel gioco, con i reparti così corti, in questa fase del campionato, devi aver lavorato bene. La panchina d’oro a Sarri? Io l’ho votato. Penso che sia quello che ha inciso di più. E’ poi diverso allenare diverse squadre ma con l’occhio dell’allenatore si vede tanto lavoro. Immobile come Rocchi? Dal punto di vista del colpo di testa e dell’acrobazia probabilmente Ciro ha qualcosa in più. Rocchi però secondo me aveva più qualità sui tempi. Aveva un taglio secco. Immobile ha in meno questa caratteristica. Simili, ma non uguali. Le parole di Peruzzi? Questa mi sembra una squadra già programmata rispetto alla mia. Angelo ha ragione. Quest’anno è stata costruita una rosa con logica, fra esperienza e prospettiva. Peruzzi si è dimenticato qualcosa. Se tu perdi de Vrij e Keita devi essere capace di trovare, come la Juventus, giocatori pari o superiori. Se togli ti tieni l’incognita. Se aggiungi migliori. Hai una rosa per campionato e Coppa Italia. Se ci sarà l’Europa League devi avere una rosa all’altezza». E su Milinkovic-Savic non ha dubbi: «Il profilo più interessante del campionato italiano. Ne sentiremo parlare, è a livello del Barcellona. Ha fisicità, tecnica e personalità», conclude Delio Rossi.