Cataldi: «Sappiamo soffrire, grande vittoria. Murgia? Siamo noi il futuro»

calciomercato lazio cataldi vigorito
© foto www.imagephotoagency.it

Arriva l’intervento di Danilo Cataldi al termine di Lazio-Fiorentina ai microfoni di Lazio Style Channel: «Sono contento di aver vinto e di aver portato tre punti a casa. Ho rischiato di segnare in rovesciata, ma ho sbucciato la palla. Abbiamo saputo soffrire e siamo riusciti a vincere. Ringrazio la mia famiglia che mi sostiene sempre, cerco sempre di dare il massimo in campo e in allenamento. Capita di sbagliare a livello tecnico o tattico, ma se ti alleni non sbagli l’approccio mentale. L’Inter? E’ una grande squadra quindi sarà una gara difficile. Andremo a Milano a fare la partita, puntiamo a fare punti con tutti. Pioli? Gli auguro il meglio, è un grande allenatore, lo saluterò a fine partita (ride, ndr). Murgia? Ha realizzato un sogno di tutti, spero di fare il futuro insieme a lui. Come con Lombardi e Rossi, ragazzi che sentono la maglia da tanti anni. E’ un progetto che funziona bene. Non dimentichiamo però Keita, Felipe Anderson o Lukaku».

 

Il centrocampista biancoceleste è intervenuto anche in mixed zone: «Nella ripresa ci siamo abbassati troppo, quindi per i nostri centrali non era facile accorciare, comunque è stata una vittoria meritata. Questo gruppo ha fatto bene, si è vista una squadra motivata e forte, la classifica dice questo. Abbiamo giocato una buona ora, poi la stanchezza e la difficoltà ci hanno costretto a soffrire tanto, ma questa capacità è stata la nostra forza. La prestazione personale? Cerco di dare il meglio quando vengo chiamato in causa, perchè sento molto questa maglia e voglio il massimo per i compagni e la gente che ci sostiene. Dentro lo spogliatoio si parla, ma non si guarda la classifica, bensì partita dopo partita. Da domani testa all’Inter. A Pioli devo tanto, è stato lui a credere in me, anche i primi 6 mesi in cui non ho giocato. Sono contento per quello che ho vissuto, con Bernardeschi siamo cresciuti insieme e gli faccio tanti complimenti per aver vestito la fascia da capitano».

Articolo precedente
Radu: «Le vittorie sofferte sono le più belle. Inzaghi? Passa tutta la giornata a studiare i nostri avversari»
Prossimo articolo
Inzaghi: «Nei primi 60 minuti siamo stati perfetti, poi c’è stato un calo fisico. Anderson? Era stanco, mercoledì c’è l’Inter»