Canigiani: «Contro la Samp speriamo di toccare quota 30.000. Per l’Eintracht invece…»

canigiani
© foto SsLazio

Marco Canigiani fa il resoconto dei tagliandi venduti per il match di domani

A poco più di 24 ore dal fischio d’inizio di Lazio-Sampdoria è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio il responsabile marketing della Lazio Marco Canigiani, per fare il punto della situazione sui tagliandi venduti: «Per il match di sabato contro la Sampdoria andiamo verso i 6.000 biglietti venduti. Speriamo che fra oggi e domani ci sia la spinta finale per arrivare a 30.000: sarebbe un discreto risultato. Ricordiamo che ci saranno grossi sconti per gli Under-16. Anche domani sarà attivo il servizio ‘BusInsieme’. I punti di raccolta saranno nove, uno in più rispetto all’altra volta. Dato che ci sono stati dei piccoli e leggeri spostamenti dei punti di partenza per motivi tecnici, invito tutti ad andare sul sito dove ci sono tutte le informazioni utili e dettagliate».

EUROPA LEAGUE – «Nella partita di giovedì, valida per il Girone H di Europa League, ci saranno prezzi più bassi rispetto a quelli standard. Contro l’Eintracht sarà una partita con un valore inferiore rispetto al solito ai fini della classifica, ma è un importante appuntamento europeo. Ci saranno tanti tedeschi presenti giovedì allo stadio Olimpico».

NATALE –«‘A Natale regala la Lazio’ è un’iniziativa che sta diventando un’abitudine. Acquistare i regali di Natale presso i Lazio Style 1900 Official Store permetterà di ricevere un coupon per ottenere uno o due biglietti in Distinti o, in alternativa, uno in Tribuna Tevere in omaggio. Tutto dipenderà dalla spesa effettuata. Le partite coinvolte saranno quelle contro il Cagliari e il Torino e si potrà scegliere liberamente fra queste due sfide».

NUOVO STORE – «Infine, per quanto concerne il capitolo dedicato al nuovo store ufficiale in centro, siamo nella fase dei ‘lavori in corso’, speriamo di concludere e terminare il più presto possibile».

Articolo precedente
InzaghiInzaghi: «Sento la fiducia della società. Il ritiro non è stata una punizione per la squadra»
Prossimo articolo
aiaComitato Consumatori Lazio: «Non accettiamo la disparità di trattamento di Nicchi»