Viareggio Cup, rigori fatali alla Lazio: ai quarti ci va l’Anderlecht

© foto www.imagephotoagency.it

E’ terminata ai rigori l’avventura dei ragazzi di Bollini nella Viareggio Cup. Una sconfitta che ci può stare quella contro l’Anderlecht: i belgi, nei 90 minuti, hanno fatto certamente di più. La formazione biancoceleste è arrivata prima nel proprio girone, vincendo tutte e tre le partite: 3-0 con la Stella Rossa di Belgrado, 4-3 con la Juve Stabia e 2-0 con il Mutual Uruguaya. Il destino però ha giocato un brutto scherzo alla Lazio nel sorteggio: la squadra pescata per gli ottavi è infatti l’Anderlecht, campione di Belgio e una delle migliori squadre europee.

Primo tempo – Sono fin da subito i belgi a prendere in mano le redini del gioco, la Lazio si difende con ordine e riparte con Rozzi e Keita sugli scudi. La prima occasione capita proprio sul sinistro del numero 11 biancoceleste, che però calcia debolmente di sinistro al volo. Risponde al decimo l’Anderlecht con una grande girata di Heylen parata da Strakosha. Al 19′ Rozzi di testa spreca una grande occasione mandando alto il pallone. Cinque minuti dopo è Lukaku (fratello minore del bomber del Chelsea) a provare il destro che però si spegne di poco alto. Allo scoccare della mezz’ora Cataldi pesca in profondita Rozzi, che di sinistro calcia di poco a lato. Sul finire del tempo l’Anderlecht torna alla carica e ad un minuto dal duplice fischio va ad un passo dal vantaggio: Vilkaitis salva infatti ad un metro dall linea una conclusione di Soumara.

Secondo tempo – Bollini cambia subito uno spento Antic per Ilari, ma il copione del match non cambia, con l’Anderlecht molto più propositivo rispetto ai biancocelesti. Al 65′ è ancora Vilkaitis a salvare i suoi, dieci minuti più tardi Strakosha compie un vero e proprio miracolo sulla conclusione dalla distanza di Acheampong. Due minuti più tardi esce capitan Rozzi per un problema ai flessori, al suo posto entra Tounkara, che a 5 minuti dalla fine calcia debolmente. Sul finire del match l’Anderlecht ha un’altra grandissima chances di vincere la gara ma Strakosha è ancora una volta superlativo su Daf. Nessun gol e calci di rigore. Dal dischetto è decisivo l’errore di Pollace, che elimina la Lazio e manda i campioni di Belgio ai quarti. Sicuramente un’esperienza importante per i ragazzi di Bollini, che ora possono concentrarsi solo ed esclusivamente sul campionato.

Condividi
Articolo precedente
Le decisioni del giudice sportivo: Weiss,Blasi e Zanon saltano la Lazio
Prossimo articolo
Siena, aria di rinnovo per Sestu. Ma la Lazio…