Torino, Ventura: “Siamo alla ricerca di punti. Firmerei per perdere con la Lazio e vincere le partite successive…”

© foto www.imagephotoagency.it

“Il Torino è alla ricerca di punti per centrare l’obiettivo della salvezza. Che siano fatti con la Lazio o con altri avversari non importa, basta farli”. Un messaggio forte e chiaro quello pronunciato dal tecnico granata Giampiero Ventura durante la tradizionale conferenza stampa alla vigilia del campionato. “Quella di domani sarà una partita complicata contro un avversario di valore assoluto. A noi però servono punti per raggiungere la quota salvezza il prima possibile – continua l’allenatore genovese – Ci manca una successo contro una big, ma questo è un risultato che può venire fuori dopo un percorso di crescita: si migliora esperienza dopo esperienza. E solo con il lavoro conquisteremo certi risultati.”

Lo sguardo di Ventura si sofferma successivamente sulla squadra di Vladimir Petkovic:Le assenze della Lazio non cambieranno di molto la loro sostanza. Se al posto di Floccari giocherà Kozak non cambierà nulla, date le loro numerose alternative. La squalifica di Hernanes, invece, potrebbe essere un fattore più decisivo nel loro gioco. Domani sarà decisiva? Poteva esserlo più la gara con il Palermo, essendo una diretta concorrente. Ora ci mancano 8 punti per la quota salvezza: bisogna farli, non importa contro chi. Metterei anche la firma a perdere contro Lazio e Napoli e poi avere la certezza di vincere le tre partite successive. Domani assumeremo il nostro solito approccio, cercando di ottenere un risultato come facciamo sempre. La formazione? Non importa chi giocherà, ma come si giocherà. Quello granata è un gruppo molto positivo, dove tutti hanno capito come incarnare lo spirito del Torino: ogni elemento della rosa si gioca il posto settimanale con grande intensità nel lavoro che svolgiamo”.

Condividi
Articolo precedente
Fenerbahce, parla il vicepresidente: “Danneggiati da una parte di tifosi. La Lazio? Siamo più forti”
Prossimo articolo
Formello – Provato il 4-4-1-1… Kozak dal primo minuto