Siena – Lazio, le probabili formazioni

© foto www.imagephotoagency.it

SIENA – Sarà un 3-4-2-1 il modulo scelto dal tecnico Iachini per affrontare la Lazio di Petkovic. Pegolo tra i pali, con Teixeira, Paci e Felipe a completare il reparto difensivo. Linea mediana formata da Belmonte e Rubin sulle fasce, pronti a dare manforte in difesa in fase di copertura, mentre in mezzo spazio alla coppia Della Rocca – Vergassola. In avanti Iachini si affiderà al gran momento del giovane Emeghara, a segno negli ultimi due incontri con Inter e Bologna. A supportare l’attaccante svizzero di origine nigeriane toccherà ai due trequartisti Sestu e Rosina.

LAZIOSquadra che pareggia allo scadere non si cambia. Sarà stato questo il pensiero di Vladimir Petkovic nell’impostare la formazione anti-Siena, prevedibilmente impostata sul 4-4-2 visto nello spettacolare 3-3 con il Borussia. Davanti a Marchetti, difesa a quattro con Konko e Radu sugli esterni, centrali Ciani e uno tra Dias e Biava, con il brasiliano in dubbio per l’attuale momento di appannamento riscontrato giovedì scorso in Europa League. Con Ledesma squalificato e Mauri tenuto precauzionalmente fuori in vista del ritorno di Europa League col Borussia, le chiavi del centrocampo verranno consegnate nelle mani, pardon piedi, di Hernanes, questa sera in cabina di regia davanti alla difesa. Ad assistere il Profeta in mezzo al campo ci sarà Gonzalez, mentre Lulic e Candreva prenderanno posto sulle fasce. In avanti spazio al tandem Floccari-Kozak. A disposizione di Petkovic scalpitano Onazi, Pereirinha, Saha ed il rientrante Ederson, tornato dopo oltre due mesi di stop.

PROBABILI FORMAZIONI (ore 20.45, stadio ‘Artemio Franchi’ di Siena):

SIENA (3-4-2-1): Pegolo; Teixeira, Paci, Felipe; Belmonte, Vergassola, Della Rocca, Rubin; Rosina, Sestu; Emeghara. All.: Iachini.

LAZIO (4-4-2): Marchetti; Konko, Biava, Ciani, Radu; Candreva, Gonzalez, Hernanes, Lulic; Kozak, Floccari. All.: Petkovic.

Arbitro: Giannoccaro di Lecce.

Segui la diretta scritta di Siena-Lazio su Lazionews24.com

Condividi
Articolo precedente
Petkovic ricostruisce il muro della difesa
Prossimo articolo
Dabo: “Questa squadra mi è rimasta dentro. A Siena…”