Redknapp difende Di Canio: “E’ fascista quando vi fa comodo…”

© foto www.imagephotoagency.it

L’approdo di Paolo Di Canio sulla panchina del Sunderland ha scosso l’opinione pubblica di tutti i tifosi della premier league ed ha alzato un polverone mediatico sulle note (o presunte che dir si voglia) fedi politiche dell’allenatore italiano. Harry Redknapp, allenatore del QPR nonché padre calcistico di Di Canio, è intervenuto per difendere l’ex laziale ed attaccare il sistema mediatico: “Paolo è un grande. Forse un pò volubile, ma ha grandissimo entusiasmo. Nella vita ognuno di noi cerca sempre gente di questo tipo. Di Canio dà tutto, ama vincere e speriamo che riesca a trasferire questo ai suoi giocatori. Di certo trasmetterà entusiasmo a tutto l’ambiente perchè è un grande allenatore ed è anche in forma ultimamente. Ho sentito il nuovo allenatore dello Swindon il quale ha detto che non riesce a credere di avere ricevuto in eredità dei giocatori cosi in forma fisicamente. Io invece, conoscendo Paolo, ci credo”. Queste le parole riportate da “CalcioNews24.com”. Inoltre il tecnico ha voluto precisare alcune cose riguardo le ideologie politiche dell’allenatore romano: “Sarei un bugiardo se vi dicessi che Di Canio è un fascista oppure no, ma sono una persona educata e non chiedo alle persone delle loro convinzioni politiche. Non so cosa sia Paolo, ma di sicuro non è razzista e questo è importante. Del resto non ho mai parlato con lui di queste cose, non sapevo neanche che le nostre visioni politiche fossero differenti come dicono”. Ed infine muove una critica al modo di operare dei media inglesi: “Nessuno ha mai parlato di queste cose fin quando lui non è arrivato al Sunderland. E’ venuto fuori tutto adesso. Perchè nessuno ne parlava quando era allo Swindon? Perchè solo ora? Perchè nessuno ha scritto di questa cosa ai tempi dello Swindon? La risposta è semplice, perchè quando era allo Swindon questa cosa non vendeva giornali”.

Condividi
Articolo precedente
Esclusiva – Negro: “Giocare il derby è un’emozione unica. Mi aspetto una Lazio senza paura”
Prossimo articolo
Fenerbahce, Kuyt: “Con la Lazio non è ancora finita, Liverpool – Milan insegna”