Convocazione azzurra: finalmente Marchetti! C’è anche Candreva

© foto www.imagephotoagency.it

Tre lunghissimi anni dopo, ecco di nuovo Federico Marchetti. Una chiamata in nazionale aspettata da tempo e persa per un mondiale che, diciamo la verità, andò un po’ storto a tutti. Pagò solo Marchetti, che l’anno dopo dovette addirittura restare fermo una stagione per delle incomprensioni col presidente Cellino. Poi è arrivata la Lazio, e, dopo due mesi utili per ritrovare la forma migliore, ecco Marchetti, il vero Marchetti. Prestazioni incredibili a raffica, che lo hanno incoronato uno tra i primi tre portiere più forti della Serie A, sicuramente il migliore in questo momento. La convocazione in Nazionale è finalmente arrivata (forse un po’ in ritardo), il portiere di Bassano del Grappa è carico e desideroso di giocarsi le sue chance in maglia azzurra. Insieme a lui, seconda convocazione consecutiva per Antonio Candreva. Una chiamata che arriva forse nel momento più difficile, proprio quando il centrocampista romano stava vivendo un momento di calo. Ora ci si è messa di mezzo anche l’influenza, che l’ha messo out per il match del Marassi contro il Genova. La convocazione azzurra non dovrebbe essere in pericolo: Candreva risponderà presente.

Di seguito la lista completa dei convocati per il match di Mercoledì sera contro l’Olanda:

Portieri: Buffon (Juventus), De Sanctis (Napoli), Marchetti (Lazio), Sirigu (Paris St. Germain);
Difensori: Abate (Milan), Astori (Cagliari), Barzagli (Juventus), Gastaldello (Sampdoria), Peluso (Juventus), Ranocchia (Inter), Santon (Newcastle);
Centrocampisti: Candreva (Lazio), De Rossi (Roma), Diamanti (Bologna), Florenzi (Roma), Giaccherini (Juventus), Montolivo (Milan), Nocerino (Milan), Pirlo (Juventus), Verratti (Pars St. Germain);
Attaccanti: Balotelli (Milan), El Shaarawy (Milan), Gilardino (Bologna), Giovinco (Juventus), Osvaldo (Roma).

Condividi
Articolo precedente
FOCUS – Bruno Pereirinha e l’esordio in maglia biancoceleste: le qualità si intravedono…
Prossimo articolo
Lotito: “Alla Lazio manca la mentalità da grande squadra…”