Petkovic indica la via: “Dobbiamo tornare ad essere la vera Lazio”

© foto www.imagephotoagency.it

Si riparte. Inizia la quarta ed ultima manche della stagione, quella finale, la più importante. La Lazio arriva da un periodo sfortunato, tra sconfitte (in campionato) e infortuni. La sosta è stata un tocca-sana, utilissima per recuperare energie fisiche e mentali per il rush finale. 

 
Come da copione, il tecnico biancoceleste Vladimir Petkovic, ha parlato dei prossimi avversari: “Il Catania non ha niente da perdere. Per la prima volta domani avrà un po’ di pressione addosso, ma noi dobbiamo essere la Lazio di qualche settimana fa”. La stagione della Lazio, soprattutto nelle coppe è andata bene, urge invece tornare a far punti in campionato: “Di solito non sono mai soddisfatto, si può sempre ottenere di più. Tenteremo di avere il massimo. Crediamo tutti nella Champions League, giohiamo su tre fronti, ma come ho detto dall’inizio tentiamo di dare il massimo ogni partita. Adesso ci stiamo ritrovando sia fisicamente che mentalmente, la pausa ci ha fatto bene e già da domani si vedrà”. L’assenza di Klose è sicuramente stata fondamentale, ma Petkovic non la pensa esattamente così: “E’ difficile da dire se abbia pesato l’assenza di Miro. Non abbiamo fatto benissimo, ma non possiamo piangere sull’assenza di un singolo giocatore. Non dobbiamo cercare alibi, guardiamo con ottimismo al futuro e vinciamo contro il Catania”. Un ritorno importante è anche quello di Honorato Ederson: “Ha sfruttato le due settimane di sosta, in questi ultimi due mesi si vedranno le condizioni fisiche di tutti, ma lui può darci una grande mano”. Ancora non in buone condizioni il capitano, Stefano Mauri: “Io spero di recuperlo il più presto possibile, è molto importante per noi. Ha avuto qualche contraccolpo, ogni volta che provava a giocare aveva un problema, stasera proverà, speriamo vada tutto bene”. È tutto pronto. È di nuovo Serie A.

 

Condividi
Articolo precedente
I convocati di Maran per Lazio-Catania
Prossimo articolo
Derby, Andreazzoli spinge per la conferenza insieme a Petkovic: “Sarebbe importante per stemperare la tensione”