Mauri: “Ci abbiamo sempre creduto. Adesso un’avversaria vale l’altra”

© foto www.imagephotoagency.it

Nonostante la gioia per la qualificazione e per il ritorno in campo da titolare Stefano Mauri ha confermato ai microfoni di Sky Sport il suo rammarico per l’assenza del pubblico: “Non è la stessa cosa giocare a calcio senza il pubblico, senza i nostri tifosi, sembrava un amichevole. Ad ogni modo siamo stati bravi a chiuderla subito… Certo avremmo preferito farlo davanti al nostro pubblico”.

Circa i sorteggi di domani a Nyon il capitano biancoceleste ha dichiarato di non avere particolari preferenze sugli avversari da incontrare ai quarti: “Siamo ai quarti, vediamo cosa ci riserva il sorteggio. Noi ci abbiamo sempre creduto e vogliamo andare lontano. Adesso però dedichiamoci al campionato perché è troppo tempo che non riusciamo a fare quello che vogliamo. Poi sarà nuovamente il tempo di pensare all’Europa. Che squadra vorrei ai quarti? Magari il Basilea (ironico ndr). Arrivati a questo punto, una vale l’altra. Certo se capita una squadra più abbordabile è meglio”. In chiusura una battuta sul credo tecnico di mister Petkovic e sulle sue richieste in campo: “In fase difensiva ci da delle indicazioni precise, mentre in attacco siamo più liberi di andare negli spazi per colpire meglio gli avversari nei loro punti deboli”.

Condividi
Articolo precedente
Kozak capocannoniere di coppa: “Vittoria importante in un momento difficile”
Prossimo articolo
Candreva applaude la Lazio: “Non era facile”