Massimo Oddo: “Cavanda serve a questa Lazio”

© foto www.imagephotoagency.it

Konko out sei settimane. Diagnosi impietosa per lui e soprattutto per Petkovic che ora deve correre assolutamente ai ripari. L’allenatore serbo ha a disposizione il solo Pereirinha, giocatore arrivato nel mercato invernale. La domanda che tutti si fanno è la seguente: può questo giocatore sostituire adeguamente un elemento di fondamentale importanza nello scacchiere della aquile come Konko? Vista la necessità non si potrebbe reintegrare l’epurato Cavanda? La risposta, attraverso le pagine del Messaggero, l’ha data un giocatore che conosce molto bene la Lazio e il ruolo di laterale destro di difesa. Stiamo parlando di Massimo Oddo, ex n.22 biancoceleste dal 2002 al 2006 che da la sua ricetta per fare la cosa giusta anche in ottica Milan visto che in quella zona di campo agirà un cliente non certo comodissimo come El Shaarawy: «Richiamando Cavanda, perché ha caratteristiche importanti per contrastare il rossonero sulla corsa. Il presidente Lotito dovrebbe quindi fare un passo indietro, per il bene della squadra che ha delle esigenze particolari in una partita molto importante e difficile. Cavanda è pagato dalla società e, visto che serve per l’assenza di Konko, deve rendersi utile». Sulla possibilità di spostare Lulic a destra visto anche la condizione psico – fisica del giocatore dopo il gol contro il Pescara Oddo è abbastanza lapidario:«Personalmente no. Cambiare la zona abituale di azione a un calciatore può sembrare una cosa semplice, in realtà non lo è. I movimenti non sono proprio gli stessi e rischierebbe di non trovarsi bene. Inoltre, Lulic, tatticamente, non è il massimo e potrebbe incontrare le stesse difficoltà di Nagatomo. Servirebbe un difensore più esperto, magari uno come Biava». Visto gli ottimi rapporti tra Lotito e Oddo chissà che il presidente non prenda alla lettera il consiglio del suo ex capitano?

Condividi
Articolo precedente
Milan, De Jong: “Per il terzo posto è necessario vincere con la Lazio”
Prossimo articolo
La Lazio fa di nuovo spesa in Svizzera